L’Abbondanza della Madre Terra-Cerimonia in Alta Langa

Una notte e un giorno in Alta Langa, tra boschi magici e antiche tradizioni.

Foto Milena Taramazzo
Foto Milena Taramazzo

L’Alta Langa, si sa, è una terra magica con antiche tradizioni spirituali, legate alla natura. Le masche, entità umane o forse sovraumane, che possono in parte identificarsi con le antiche streghe, sono tipiche di queste lande rigogliose. Una natura abbondante, piena, ricca, misteriosa. Boschi, prati e vallate.

Qui abbiamo deciso di celebrare uno dei nostri rituali di abbondanza e guarigione, con canti e tamburi di oltreoceano intorno a un fuoco sacro.

Il canto sciamanico e il tamburo trascendono il tempo e lo spazio, essendo gli strumenti di espressione sonora più antichi del pianeta. Si trovano nelle Americhe come in Siberia, in Finlandia, come in Italia. Le Langhe in particolare, in antichità furono frequentate e abitate da popolazioni celto-liguri di matrice sciamanica.

Gli Strumenti

Porteremo i nostri tamburi e i nostri sonagli. Chi posside un tamburo è invitato a portarlo con se. Realizzeremo un ritale di abbondanza e guarigione intorno a un Fuoco Sacro, con i ritmi sciamanici nordamericani e brasiliani e intonando canti di tribù Cheyenne, Lakota, Ogibwa, Yawanawà, Fulni-ô.

Il Programma

Sabato 28 maggio.

Ritrovo nel pomeriggio dalle 16. Ore 17.30 Preparazione del cerchio di pietre, orientato secondo le 4 direzioni. Raccolta della legna e preparazione della pira. Ore 20.00 accensione del Fuoco. Ringraziamento e omaggio alle 4 direzioni. Canti e cerchio di guarigione e abbondanza intorno al Fuoco Sacro. Fumigazioni con la Salvia Sacra. Preghiere personali. Fino alle 22.00

Ore 22 Condivisione del pasto. Condividendo gli alimenti portati e condivisi da ogni partecipante. Ringraziamento per l’abbondanza.

Domenica 29 maggio.

Ore 10.30. Partenza breve escursione nei boschi circostanti. Meditazione e respirazione nei boschi. Condivisione di canti. Qual è il tuo grido? La ricerca del proprio grido. L’espressione sonora e corporea. La ricerca del propri Bastone Magico. Elementi per il confezionamento del proprio bastone. Ritorno entro le 13/14. Condivisione del pasto con ringraziamento. Pomeriggio libero.

Il luogo

Pezzolo Valle Uzzone Regione Blengi Superiore n.2

Arrivando da centro Piemonte, Torino, Alba, etc. si trova dopo Cortemilia.

Mappa

https://www.google.com/maps/search/Pezzolo+Valle+Uzzone+Regione+Blengi+Superiore/@44.538877,8.1292023,12z

Dove dormire

Chi si fermasse due giorni o avesse comunque piacere di dormire in zona. Comodissima prenotazione su Booking.com o AirBnb.

In ogni caso alcune opzioni sono: Albergo ‘l Bunet, Orchidea Selvatica BnB, Villa San Carlo.

Costi di partecipazione

Sabato 35€

Sabato e Domenica 60€

Domenica 30€

Condivisione del cibo

Chi porta con se qualcosa da condividere è benvenuto.

Artigianato

Ci sarà nostro artigianato da Amazzonia e Pernambuco di Tribù Pataxò e Fulni-ô.

Iscrizioni

Per iscrizioni scrivere a Whatsapp inviando Nome e Cognome. 00393487299033

Foto Milena Taramazzo
Foto Milena Taramazzo

 

 

SEMINARIO TRIESTE 17-18 SETTEMBRE 2022

SEMINARIO TRIESTE

17-18 SETTEMBRE 2022

SEMINARI3

con Mauro Vishva Towé e Lidia Sangeeta Kleklé

Tema del Seminario è “Chi sono Io?”. Tema focale e centrale di tutta la nostra filosofia e ricerca, connessa con quella del Maestro Atma Nambi e degli sciamani di Nord e Sudamerica.

Perché avvicinarsi oggi allo sciamanesimo?

Perché si tratta di un insieme di pratiche, di saggezza e di conoscenze ancestrali antichissime che possono aiutare enormemente le persone comuni di oggi.

In passato lo sciamanesimo era praticato e guidato da quelli che oggi chiamiamo, a seconda dei luoghi e delle culture, sciamano, pajé, medicine-man, curandero o con altri appellativi, nelle culture tribali. Ma tutta la tribù partecipava a pratiche e cerimonie. Avviene ancora oggi nelle culture native sopravvissute.

La ricerca spirituale occidentale di oggi ha riacceso da alcuni decenni l’interesse per queste pratiche.

Fondamentalmente questo tipo di visione della vita porta alla connessione profonda con il proprio sé, che a sua volta è profondamente connesso con la natura e il Sé transpersonale di tutto l’universo.

Attraverso questo tipo di coscienza e muovendosi per istinto e intuizione tra i simboli naturali, come piante, erbe, animali, suoni, elementi, lo sciamano può agire sia sulla realtà spirituale che su quella materiale, permettendo di ottenere risultati concreti.

Questi risultati concreti possono essere della natura più diversa.

La nostra ricerca personale ci porta a cercare, oltre la sopravvivenza e il benessere materiale, benessere psicofisico, pace, serenità, buone relazioni, espansione della consapevolezza, conoscenza.

Come è avvenuto e sta avvenendo con le pratiche orientali e l’esoterismo europeo, oggi ci troviamo di fronte a una apertura di queste conoscenze, che diventano disponibili a persone comuni, in modo che possano trarne beneficio per se stesse e per la comunità.

E’ una necessità sempre più pressante, poiché l’intera umanità si sta trovando progressivamente sempre più chiamata a rispondere agli interrogativi spirituali dell’esistenza. Fondamentalmente alla domanda “Chi sono io?”.

Lo sciamanesimo, grazie agli strumenti che può dare per ritrovare un contatto con le profondità, può aiutare a trovare risposte che non si trovano certo nel razionale e nell’intelletto, bensì nel sentire corporeo. Non saprei come esprimere meglio tale concetto.

In sostanza stare nella natura, parlare con le piante, ingerirle, contemplare il fuoco, bagnarsi nell’acqua, suonare il tamburo, danzare, muoversi nelle foreste e nelle dune, stare nel silenzio, tutto questo con la consapevolezza di essere nient’altro che una emanazione di quella stessa natura e non qualcosa di staccato, permette di trovare un senso inesplicabile di appagamento e completezza.

E’ sicuramente semplicissimo sul piano sia concettuale che pratico. La parte difficile è eliminare tutte le macerie che sono state riversate su questo stato primordiale, che è la vera natura dell’Uomo.

Si tratta di macerie solide, liquide, psichiche, gassose, sonore, visive.

Il nostro lavoro, di fatto, consiste nel rimuoverle, per ritrovare nient’altro che ciò che siamo sempre stati: Entità Sacre e Divine in un Cammino Eterno.

Mauro Vishva Towé Villone

Il Metodo

Noi operiamo con un nostro metodo, basato sul sincretismo tra meditazione tantrica e vedica, sciamanesimo e utilizzo di tamburo sciamanico e respirazione Pranayama. Proponiamo meditazioni dinamiche molto potenti, che permettono di superare la barriera dell’ego e accedere al sistema limbico, arrivando molto in profondità nel nostro subconscio.

Obbiettivi

Obbiettivo degli incontri è trascendere la barriera della mente, per riuscire a entrare nelle camere del Re e della Regina. Le camere segrete dove è custodita la vera mitica essenza di noi stessi e della nostra vita.

GLI INCONTRI

Vivencias

Venerdì 19.00-21.30

La ricerca spirituale. Chi sono io. La connessione con Se stessi, con l’ambiente naturale e umano e con il Divino. Donazione Deeksha, Energia Cosmica.

Sabato 10.00-13.00

Discussione – Introduzione alla concezione sciamanica e vedica della vita. Eternità, reincarnazione, potere personale, importanza del gruppo.

Pratica – Il Bastone della Parola. Respirazione circolare e tamburo sciamanico. Canti sciamanici. Il cerchio di cura. Le relazioni, l’abbraccio.

Sabato 15.00-18.00

Discussione – Gli strumenti dello Sciamanesimo. Oggetti di potere. Gli elementi, piume, rocce, cristalli, legni, bastoni, semi, artigianato. Pipe, ventagli, tamburo, maracas, amuleti. Gli strumenti odierni dello sciamanesimo urbano. L’utilizzo degli strumenti per la cura.

Pratica – Sessione di Cura nativa. Autocura.

Domenica 10.00-13.00

Discussione – Le ricerche di Michael Harner. Il viaggio sciamanico. L’azione del tamburo sulle onde cerebrali. La modificazione degli stati di coscienza. L’uscita dalla mente. La gestione dell’ego. Il Potere Personale. Animali di Potere e Spiriti Guida.

Pratica – Il viaggio sciamanico col tamburo e i sonagli. Canti sciamanici.

Domenica 15.00-18.00

Discussione – L’energia cosmica. Prana, Orgon, Kundalini-Shakti. L’attivazione dell’energia. La risalita dell’energia lungo la Sushumna attraverso i chackras.

La danza, l’espressione corporea. Sentire nel corpo.

Pratica – La potente meditazione dinamica Bhairovì di Atma Namba.

Chiusura del Seminario.

Costo iscrizione

180,00€ entro 30 giugno; 190,00€ entro 31luglio

200,00€ entro 31 agosto;  210,00€ dopo 31 agosto

Da versare sull’Iban sottostante

ASSOCIAZIONE GENTE DELLA CITTA’ NUOVA

BANCA BPER – AG.TORINO

IBAN: IT13Y0538701007000042188633

SEMINARIO LA FUENTE TIVOLI 25-26 GIUGNO 2022

SEMINARIO LA FUENTE

TIVOLI

25-26 GIUGNO 2022

 

con Mauro Vishva Towé

e

Lidia Sangeeta Kleklé

Foto @vishvatowé
Foto @vishvatowé

Tema del Seminario è “Chi sono Io?”. Tema focale e centrale di tutta la nostra filosofia e ricerca, connessa con quella del Maestro Atma Nambi e degli sciamani di Nord e Sudamerica.

Perché avvicinarsi oggi allo sciamanesimo?

Perché si tratta di un insieme di pratiche, di saggezza e di conoscenze ancestrali antichissime che possono aiutare enormemente le persone comuni di oggi.

In passato lo sciamanesimo era praticato e guidato da quelli che oggi chiamiamo, a seconda dei luoghi e delle culture, sciamano, pajé, medicine-man, curandero o con altri appellativi, nelle culture tribali. Ma tutta la tribù partecipava a pratiche e cerimonie. Avviene ancora oggi nelle culture native sopravvissute.

La ricerca spirituale occidentale di oggi ha riacceso da alcuni decenni l’interesse per queste pratiche.

Fondamentalmente questo tipo di visione della vita porta alla connessione profonda con il proprio sé, che a sua volta è profondamente connesso con la natura e il Sé transpersonale di tutto l’universo.

Attraverso questo tipo di coscienza e muovendosi per istinto e intuizione tra i simboli naturali, come piante, erbe, animali, suoni, elementi, lo sciamano può agire sia sulla realtà spirituale che su quella materiale, permettendo di ottenere risultati concreti.

Questi risultati concreti possono essere della natura più diversa.

La nostra ricerca personale ci porta a cercare, oltre la sopravvivenza e il benessere materiale, benessere psicofisico, pace, serenità, buone relazioni, espansione della consapevolezza, conoscenza.

Come è avvenuto e sta avvenendo con le pratiche orientali e l’esoterismo europeo, oggi ci troviamo di fronte a una apertura di queste conoscenze, che diventano disponibili a persone comuni, in modo che possano trarne beneficio per se stesse e per la comunità.

E’ una necessità sempre più pressante, poiché l’intera umanità si sta trovando progressivamente sempre più chiamata a rispondere agli interrogativi spirituali dell’esistenza. Fondamentalmente alla domanda “Chi sono io?”.

Lo sciamanesimo, grazie agli strumenti che può dare per ritrovare un contatto con le profondità, può aiutare a trovare risposte che non si trovano certo nel razionale e nell’intelletto, bensì nel sentire corporeo. Non saprei come esprimere meglio tale concetto.

In sostanza stare nella natura, parlare con le piante, ingerirle, contemplare il fuoco, bagnarsi nell’acqua, suonare il tamburo, danzare, muoversi nelle foreste e nelle dune, stare nel silenzio, tutto questo con la consapevolezza di essere nient’altro che una emanazione di quella stessa natura e non qualcosa di staccato, permette di trovare un senso inesplicabile di appagamento e completezza.

E’ sicuramente semplicissimo sul piano sia concettuale che pratico. La parte difficile è eliminare tutte le macerie che sono state riversate su questo stato primordiale, che è la vera natura dell’Uomo.

Si tratta di macerie solide, liquide, psichiche, gassose, sonore, visive.

Il nostro lavoro, di fatto, consiste nel rimuoverle, per ritrovare nient’altro che ciò che siamo sempre stati: Entità Sacre e Divine in un Cammino Eterno.

Mauro Vishva Towé Villone

Il Metodo

Noi operiamo con un nostro metodo, basato sul sincretismo tra meditazione tantrica e vedica, sciamanesimo e utilizzo di tamburo sciamanico e respirazione Pranayama. Proponiamo meditazioni dinamiche molto potenti, che permettono di superare la barriera dell’ego e accedere al sistema limbico, arrivando molto in profondità nel nostro subconscio.

Obbiettivi

Obbiettivo degli incontri è trascendere la barriera della mente, per riuscire a entrare nelle camere del Re e della Regina. Le camere segrete dove è custodita la vera mitica essenza di noi stessi e della nostra vita.

GLI INCONTRI

Vivencias

Sabato 10.00-13.00

Discussione – Introduzione alla concezione sciamanica e vedica della vita. Eternità, reincarnazione, potere personale, importanza del gruppo. Le forme-pensiero. La creazione della Realtà. Immaginazione creativa.

Pratica – Il Bastone della Parola. Respirazione circolare e tamburo sciamanico. Canti sciamanici. Il cerchio di cura. Le relazioni, l’abbraccio. Attirare l’abbondanza. Laddove l’abbondanza, oltre ad essere denaro, moneta sonante, è amore, relazioni, bellezza, gioia, entusiasmo, natura rigogliosa.

Viviamo nell’abbondanza senza esserne consapevoli a causa di secoli di condizionamenti volti a convincere le persone di essere nella penuria e quindi bisognose di aiuto e ricattabili. La vera Vita è abbondanza, l’Universo è abbondanza.

Il ricongiungimento con La Fonte. Eliminare le macerie che sommergono ciò che c’è sempre stato, La Fonte inesauribile del Padre-Madre Universale.

Sabato 15.00-18.00

Discussione – Gli strumenti dello Sciamanesimo. Oggetti di potere. Gli elementi, piume, rocce, cristalli, legni, bastoni, semi, artigianato. Pipe, ventagli, tamburo, maracas, amuleti. Gli strumenti odierni dello sciamanesimo urbano. L’utilizzo degli strumenti per la creazione della propria realtà.

Pratica

Meditazione1: Chi sono io.

Meditazione2: La vita come un film

Meditazione3: Diventare registi della propria vita

Sabato 20.00-22.00

Cerchio di cura del Fuoco

Riunione Cerimonia intorno al Fuoco nell’uliveto. Con canti, tamburo sciamanico, sonagli.

Domenica 10.30-13.00

Discussione – Le ricerche di Michael Harner. Il viaggio sciamanico. L’azione del tamburo sulle onde cerebrali. La modificazione degli stati di coscienza. L’uscita dalla mente. La gestione dell’ego. Il Potere Personale. Animali di Potere e Spiriti Guida.

Pratica – Il viaggio sciamanico col tamburo e i sonagli. Canti sciamanici.

Domenica 15.00-18.00

Discussione – L’energia cosmica. Prana, Orgon, Kundalini-Shakti. L’attivazione dell’energia. La connessione con la Terra e i Luoghi di Potere.

La connessione con gli antenati e la loro celebrazione.

Pratica – Cerimonia in un Luogo Sacro a Tivoli.

Chiusura del Seminario.

Il Seminario è modulare, consigliamo la partecipazione ad ambedue i giorni, ma per chi non fosse possibile si può partecipare anche a una sola delle due giornate.

Costo iscrizione

140,00€ entro 30 aprile (1 giorno 75€)

150,00€ entro 15 maggio (1 giorno 80€)

160,00€ entro 31 maggio (1 giorno 85€)

170,00€ dopo 31 maggio (1 giorno 90€)

Da versare sull’Iban sottostante

ASSOCIAZIONE GENTE DELLA CITTA’ NUOVA

BANCA BPER – AG.TORINO

IBAN: IT13Y0538701007000042188633

 

Calendario Attività Para Ti Circle – Aprile-Giugno 2022

Calendario Attività Para Ti Circle – Aprile-Giugno 2022

gitanos

15 Aprile – Torino. Meditazione Dinamica Bhairovì. Associazione Danza Arkè.

http://www.unaltrosguardo.it/2022/03/meditazione-bhairovi-chackras-arke.html

20-23 Aprile – Brianza. Oriente Day, Parco di Monza. 20 Aprile Ruota del Fuoco. 23 Aprile Mattino >Conferenza, Pomeriggio Workshop. Info Whatsapp 00393487299033

https://orienteday.com/

14-15 Maggio – Torino. Seminario Meditazione e Sciamanesimo. Chi sono io?

http://www.unaltrosguardo.it/2022/02/chi-sono-io-seminario-torino-14-15-maggio-2022.html

20-21 Maggio. Festival del Dono. Info https://t.me/festivaldeldono e Whatsapp 00393487299033

https://www.comunitadelfuturo.it/

28-29 Maggio. L’Abbondanza della Madre Terra.

http://www.unaltrosguardo.it/2022/05/labbondanza-della-madre-terra-cerimonia-in-alta-langa.html

8-12 Giugno, Alta Maremma Toscana. Ritiro di 5 giorni. La Spada nella Roccia.

http://www.unaltrosguardo.it/2022/02/la-spada-nella-roccia-ritiro-spirituale-sulle-colline-toscane-dellalta-maremma.html

17-19 Giugno. Farnese, Tuscia, Alto Lazio. Il Cammino Incantato.

http://www.unaltrosguardo.it/2022/03/il-cammino-incantato-farnese-e-selva-del-lamone.html

25-26 Giugno. La Fuente, Tivoli (Roma).

http://www.unaltrosguardo.it/2022/03/seminario-la-fuente-tivoli-25-26-giugno-2022.html

Altre date sono in fase di definizione.

Probabilmente: Torino 8 Maggio, Alta Langa 4-5 Giugno, Tivoli da definire a fine Giugno, in seguito da definire nelle Marche.

In progress….

Info, anche per Sessioni Private Whatsapp 00393487299033

IMG-20201112-WA0088

Meditazione Bhairovì e Chackras – Arkè, Torino – 15 Aprile 2022

Meditazione Bhairovì e Chackras

Foto @vishvatowé
Foto @vishvatowé

Una esperienza di danza meditativa da Arkè

A Torino 15 aprile dalle 19.30 alle 21.30

Si tratta di una potente meditazione dinamica che utilizza la danza e il movimento.

La durata è di circa un’ora ed è una sequenza di movimenti e danze, seguiti da un tempo di rilassamento, da effettuare sempre in piedi.

Lo scopo di questa meditazione molto fisica ed emozionale è l’attivazione di energie profonde, sopite, ma poderose, connesse con i nostri chackras, i centri di energia principali del nostro corpo fisico e astrale.

È utile anche al risveglio della Kundalini-Shakti, la poderosa e divina energia femminile, che di solito, specie tra gli occidentali, è sopita e dormiente nei chakra inferiori, in particolare nel Muladhara, il Chakra base, che si trova in prossimità del perineo. In realtà non si trova nel corpo fisico, bensì nel corpo energetico ed è collegato a una ghiandolina minuscola e molto poco conosciuta, chiamata, dal nome del suo scopritore, ghiandola di Looksha, posizionata sulla punta del coccige.

I Chackras principali secondo i Veda sono 7 e ognuno di loro governa una regione del corpo fisico ed è connesso a determinate ghiandole. Inoltre ogni Chackras presenta numerosissime caratteristiche e connessioni con colori, elementi naturali, minerali, animali, fiori, suoni e diversi altri aspetti del mondo naturale, culturale, geometrico e matematico. Il loro studio è molto complesso e fondamentale, ma per chiunque vi si avvicini la cosa più importante è la presa di coscienza della loro esistenza e il sentire il loro movimento energetico. Un altro scopo molto importante di questa meditazione è proprio il risveglio di questa coscienza. Il primo è il già descritto Muladhara, più sopra, due dita sotto l’ombelico, si trova lo Svadistana, connesso con le ghiandole surrenali. Due dita sotto lo sterno si trova il Manipura, connesso con il pancreas e le funzioni digestive. All’altezza del cuore si trova lo Anahata, connesso col timo. Vishuddi è il Chackra della gola, connesso con tiroidi e paratiroidi. Tra le sopracciglia si trova l’Ajna, il Terzo Occhio, connesso, insieme al Chakra successivo, quello della Corona, il Sahasrara, alla ghiandola Pineale o Epifisi e anche all’Ipofisi o Pituitaria.

Le ghiandole endocrine non sono troppo ben conosciute da medicina e biologia, in comparazione ad altri organi e le loro funzioni non sono ancora così ben comprese.

I collegamenti tra esse e il corpo energetico sono misteriosi, ma quello che a noi interessa, non è una comprensione mentale, bensì al di fuori della mente, nel “sentire” con il sistema corpo-energia-spirito.

La meditazione Bhairovì mette in circolo in questo sistema energie potenti e permette di viverle e prenderne coscienza, modificando lo stato di coscienza, proiettando tutto al di fuori della mente che tiene imprigionato il nostro sentire, di fatto in una perenne situazione di incoscienza.

Questa meditazione fa parte di un cammino molto più ampio e aritcolato che può portare ogni individuo a prendere coscienza che ogni cosa, qualsiasi entità spirituale o biologica, qualsiasi evento non è che una manifestazione della stessa energia, presente infinitamente in tutto l’universo, inclusi i nostri corpi e il nostro essere.

Questa presa di coscienza porta alla comprensione che la dualità è un’illusione e la Coscienza Buddica è la libertà assoluta che sa come “Tutto sia Uno” che si manifesta nella indicìbile e incredibile creatività dell’Universo.

L’individuo illuminato non esce dall’universo, bensì può penetrarlo ad ogni livello, per tutta l’eternità, nella piena coscienza di essere anch’esso nient’altro che Energia.

Tutto è Energia.

In Sanscrito: Sakthye Sathiam.

Perché da Arkè

Poiché, come spiegato più sotto, si tratta di un centro si movimento, cultura, danza, attento alle tradizioni e all’energia. Un centro aperto all’innovazione e al tempo stesso alle voci ancestrali.

Chi è Mauro Vishva Towé Villone

Mauro Vishva Towé Villone

E’ nato a Torino, ma è nomade nel Dna e discende da due stirpi di avventurieri. Il trisnonno emigrò dal Piemonte all’Argentina a metà dell’800. Il nonno materno e la mamma nacquero in Argentina, mentre il padre nacque in Puglia, ma crebbe in Africa.

Ha studiato scienze della terra, ma si è occupato poi per molti anni di pubblicità e poi fotoreportage sociale e di viaggio. Ha viaggiato in Europa, India, Cina, Cambogia, Kenya, Nigeria, Turchia, Marocco, Egitto, Argentina, Perù, Messico, Brasile e altri paesi, realizzando numerosi reportage presentati in testate nazionali e mostre in Italia, Cina, Russia e Brasile.

Fin da bambino è stato coinvolto dalla ricerca spirituale tra religioni, meditazione, sciamanesimo.

Dal 2006 vive in viaggio e tra Italia e Brasile, dove ha approfondito la ricerca tra curanderos, centri espirita, Umbanda, Candomblé, ma soprattutto tribù indigene di Acre, Amazzonia, Perù e Pernambuco.

Collabora con sciamani e curanderos della tribù Fulni-ô del Pernambuco, partecipando e tenendo cerimonie, ruote di cura, sessioni di cura privata. È Guardiano Huni Kuin (tribù di Acre/Amazzonia) per cerimonie Ayahuasca, alla quale fu iniziato nel 2014 da sciamani Huni Kuin. È guardiano della Foresta dell’Aldeia Akasha, centro tribale e culturale di Itaipava, stato di Rio de Janeiro.

Sempre in Brasile ha approfondito il tamburo e il canto sciamanico da un maestro d’eccezione, Carlos Sauer, sciamano, medium e curandero, che ha vissuto per 40 anni con una tribù Cheyenne, adottato da Nelson Turtle, anziano sciamano che divenne uno dei suoi padri spirituali. Carlos fu anche allievo a Esalen, in California, dell’antropologo-sciamano Michael Harner, grande amico di Carlos Castaneda.

In Brasile ha altresì iniziato un intensissimo percorso esperienziale di Respirazione, Meditazioni Dinamiche, risveglio della Kundalini con il maestro illuminato Atma Nambi del Tamil Nadu, India sudorientale. Qui si trovano l’Ashram e la scuola di Atma Nambi, Upanisha Ananda Mandir, di cui Vishva Towé è diventato Teacher accreditato.

Negli ultimi anni ha sviluppato un suo metodo sincretistico di introduzione a Respirazione/Meditazione che utilizza il ritmo del tamburo sciamanico, intrecciando sciamanesimo e cultura vedica, di cui i suoi maestri Carlos e Atma Nambi sono a conoscenza.

Organizza cerimonie, corsi, workshop, ritiri spirituali, seminari, webinar, viaggi di ricerca in Italia, India e Brasile.

Ha scritto i libri “Il Mistero della Libertà” per Prinp Editore di Torino e “Il Punto di Vista non è un Piano Bar” per Edizioni Spazio Interiore di Roma.

Ispira e dirige inoltre la Para Ti Ong a Rio de Janeiro, da 35 anni impegnata nell’assistenza e nel recupero di centinaia di bambini di comunità poverissime.

Mauro Vishva Towé Villone

Rua Coronel Ribeiro Gomes, 350

São Conrado, Rio de Janeiro

Whatsapp 00393487299033

mauro.villone@libero.it

mauro7

Vishva significa Universo ed è Il nome iniziatico conferito dal Maestro Atma Nambi in una cerimonia a Buzios, Brasile

Chi è Arké

arke (2)

www.arkedanza.it

L’ispiratrice di Arké è Matilde Demarchi

Attraverso ricerca ed aggiornamento continuo a livello internazionale, con il coraggio e la creatività italiane possiamo entusiasmare le persone, creando esperienze di movimento straordinariamente efficaci, sicure e divertenti, promuovendo la salute, il benessere e la felicità di tutte le persone che condivideranno le nostre attività.

Vogliamo essere un punto di riferimento di eccellenza per la cultura, l’arte del movimento e lo sport, un centro innovativo che aiuta le persone di ogni età a raggiungere una migliore qualità della vita attraverso l’attività fisica e la danza.

La Storia

Arkè, dal greco antico “principio, origine”, inteso come ricerca delle radici dell’arte del movimento e della danza.

Questa la scintilla che ha acceso il fuoco di Arké, nata nel 1981 da una visione creativa di Matilde Demarchi e divenuta con il passare del tempo un punto di riferimento a livello nazionale ed internazionale per un modo nuovo di interpretare l’attività fisica e la danza di qualità nel rispetto della sacralità del corpo, l’unica casa in cui abiteremo per tutta la vita

Arkè nasce come progetto nell’ambito della danza, come ricerca e sperimentazione di nuove cifre coreutiche e metodologie didattiche.

Arkè asd​ – Associazione per la Divulgazione della Danza e Arte del Movimento –
C.so Casale, 137 – 10132 Torino – Tel 011 8193618
info@arkedanza.it

Costo iscrizione e orario

Durata 2 ore. 19.30-21.30

28€

Il Cammino Incantato – Farnese e Selva del Lamone – 17,18, 19 Giugno

Il Cammino Incantato – Farnese e Selva del Lamone, Lazio

evento galeazza (16)
Foto – @Andrea Kunkl Bagno purificatore di cascata. Selva del Lamone

Incontri di Sciamanesimo, Meditazione e Yoga in Tuscia, Lazio.

Per il secondo anno consecutivo organizziamo una serie di incontri dedicati alla Meditazione, allo Sciamanesimo e allo Yoga, in collaborazione con Margherita Picciolo e Andrea Kunkl, nostri carissimi amici, che ringraziamo per il loro caloroso invito.

È molto di più di un incontro tra amici o di un seminario. Si tratta di una vera e propria famiglia spirituale planetaria, e qui nel Lazio con Andrea e Margherita, con la loro piccola figlia Eva, ci sentiamo letteralmente a casa. Margherita è insegnante di Yoga e ricercatrice in ambito spirituale, Andrea è reporter, fotografo, ricercatore culturale e spirituale, professionista della comunicazione visuale.

Informazioni sul lavoro e la ricerca di Margherita e Andrea a questo link: Yo, lo Yogi a casa tua.

Gli incontri hanno scopo celebrativo. Celebriamo la pace, l’armonia, la bellezza, il cammino spirituale. Abbiamo infatti battezzato questi incontri “Il Cammino Incantato”, poichè, oltre ad essere un cammino, si svolge in luoghi geografici e dell’anima assolutamente e profondamente magici. Per fortuna la meraviglia delle origini non ha ancora affatto abbandonato il nostro pianeta e men che meno il nostro magnifico paese.

Perché questi incontri

Con questi incontri intendiamo celebrare anche dei luoghi sacri. Luoghi individuati e scelti con cura da Margherita e Andrea che vivono in questo territorio, lo esplorano, lo valorizzano, lo celebrano, contribuiscono, anche insieme a noi, a salvarne la sacralità. Di fatto, celebriamo il nostro paese, la sua storia, le sue radici, la sua natura, spesso ancora incontaminata, i suoi e i nostri antenati.

Incontri che, tra Yoga, Armonia, Respiro, Vibrazioni, Tamburi, Canti, Bagni Rituali, Abbracci, Sensazioni, intendono essere una preghiera per la Pace e l’Unione. Celebreremo la famiglia del Nuovo Mondo.

Quando

Ci incontriamo Venerdì 17 giugno alle 18, in un luogo segreto, per accendere il Fuoco sacro alle 20. Proseguiremo il Sabato mattina con una sessione di Yoga tenuta da Margherita nello straordinario Centro Storico di Farnese. Mentre nel pomeriggio visiteremo un’antica città etrusca. Qui terremo un rituale dedicato alla Madre Terra.

La domenica sarà dedicata a un’escursione nella Selva del Lamone, dove arriveremo in un luogo mozzafiato. Un antico eremo spettacolare, già attivo dal paleolitico e celebrato successivamente da etruschi e altre culture. Qui celebreremo rituali per l’aria e per l’acqua, facendo anche dei bagni rituali nelle cascate dove ci fermeremo per ristorarci.

Chi siamo

Mauro Vishva Towé Villone e Lidia Sangeeta Kleklé Urani. Viviamo perlopiù in Brasile, dove dirigiamo la nostra Ong Para Ti, impegnata nell’aiuto e nello scambio culturale e spirituale con i bambini delle favelas di Rio de Janeiro. Qui e in altri luoghi del Brasile facciamo ricerca spirituale con tribù indigene, nello sciamanesimo e nella meditazione e respirazione. Nostra presentazione più completa al seguente link: Chi siamo, Vishva Towé e Sangeeta Kleklé

Programma

Venerdì 17 Giugno:
Cerchio di Cura intorno al Fuoco Sacro, seguito da cena vegetariana nella Selva del Lamone, a Farnese all’interno di uno spazio privato.
Il luogo verrà comunicato agli iscritti.

Sabato 18 Giugno:
Mattina: dalle ore 11.00 alle ore 12.00  Pratica yoga nel centro cittadino di Farnese con Margherita Picciolo.
Dalle 16.00 Visiteremo un’ antica città etrusca: rituale terra con Mauro Vishva Towé Villone e Lidia Sangeeta Kleklé Urani

Dalle 20.00 cena assieme presso ristorante locale

Domenica 19 Giugno:
Partenza mattino presto.
Visiteremo un antico Eremo del 1200 nella Selva del Lamone.
Rituale finale con Mauro Vishva Towé Villone e Lidia Sangeeta Kleklé Urani. Respirazioni, Tamburo, Canti e Bagno Rituale. Per celebrare Aria e Acqua.
Pranzo al sacco e riposo lungo il Fiume e Cascate.
Ritorno a casa.

Il Contesto di ricerca Culturale e Spirituale

Il Progetto

Questi tre giorni si inseriscono in un più ampio progetto di ricerca culturale, geoambientale e spirituale, che stiamo sviluppando qui in Tuscia com Andrea e Margherita, ma anche in altre regioni italiane. In Piemonte, in Val di Susa, con Franco Borrelli, fotografo e Marius Depréde, ricercatore. In Lombardia, in Val Camonica, con Mayra Marsango, ricercatrice. In Liguria, con il progetto Festival del Dono. In Toscana, in Alta Maremma, con il centro ippico e di ricerca culturale e ambientale Prategiano. Stiamo esplorando altre aree in Piemonte, Lazio, Marche, Sardegna e altre regioni.

Antichi luoghi di culto

Stiamo individuando aree rilevanti sul piano ambientale e che ospitano vestigia di culture che da secoli, spesso millenni, hanno vissuto in questi luoghi. Il legame tra le culture presenti tuttora o che lo sono state in passato non è casuale, bensì strettamente legato alle energie e alle correnti dei luoghi stessi. La presenza di insediamenti, abitazioni e, soprattutto, di luoghi di culto, non è affatto da ricondurre solo a questioni logistiche quali trasporti, approvvigionamenti d’acqua e vari, difesa militare. Molto spesso sono connessi ad aspetti ambientali, spirituali, energetici, simbolici e mitologici.

Valorizzazione e celebrazione di luoghi e antenati

Tali aspetti importantissimi contribuiscono allo sviluppo delle culture e delle spiritualità umane, e questi luoghi hanno ospitato gruppi umani fin dall’antichità. Noi sentiamo come sia non solo opportuno, ma addirittura necessario onorare questi luoghi e questi antenati. Lo facciamo come abbiamo imparato, con partiche sacre, ormai provenienti dalle più diverse parti del mondo. Pratiche antiche e talvolta arcaiche, come lo Yoga, la Respirazione Sacra e Consapevole, il Tamburo Sciamanico, il Canto di Mantra e Canti Indigeni, la Danza Rituale, l’accensione di Fuochi Sacri, le Fumigazioni, i Bagni Rituali, la Preghiera.

Costi iscrizioni

Serata del Venerdì 40€ inclusa cena

Sabato tutto il giorno 70€ esclusa cena

Domenica tutto il giorno 70€

Iscrizione a tutti e tre gli eventi 160€

Con iscrizione entro 31 maggio 150€

Info

Whatsapp Mauro Villone 00393487299033

 

CHI SONO IO? – SEMINARIO TORINO 14-15 MAGGIO 2022

20201229_211430

SEMINARIO TORINO 14-15 MAGGIO 2022

con Mauro Vishva Towé e Lidia Sangeeta Kleklé

Tema del Seminario è “Chi sono Io?”. Tema focale e centrale di tutta la nostra filosofia e ricerca, connessa con quella del Maestro Atma Nambi e degli sciamani di Nord e Sudamerica.

Perché avvicinarsi oggi allo sciamanesimo?

Perché si tratta di un insieme di pratiche, di saggezza e di conoscenze ancestrali antichissime che possono aiutare enormemente le persone comuni di oggi.

In passato lo sciamanesimo era praticato e guidato da quelli che oggi chiamiamo, a seconda dei luoghi e delle culture, sciamano, pajé, medicine-man, curandero o con altri appellativi, nelle culture tribali. Ma tutta la tribù partecipava a pratiche e cerimonie. Avviene ancora oggi nelle culture native sopravvissute.

La ricerca spirituale occidentale di oggi ha riacceso da alcuni decenni l’interesse per queste pratiche.

Fondamentalmente questo tipo di visione della vita porta alla connessione profonda con il proprio sé, che a sua volta è profondamente connesso con la natura e il Sé transpersonale di tutto l’universo.

Attraverso questo tipo di coscienza e muovendosi per istinto e intuizione tra i simboli naturali, come piante, erbe, animali, suoni, elementi, lo sciamano può agire sia sulla realtà spirituale che su quella materiale, permettendo di ottenere risultati concreti.

Questi risultati concreti possono essere della natura più diversa.

La nostra ricerca personale ci porta a cercare, oltre la sopravvivenza e il benessere materiale, benessere psicofisico, pace, serenità, buone relazioni, espansione della consapevolezza, conoscenza.

Come è avvenuto e sta avvenendo con le pratiche orientali e l’esoterismo europeo, oggi ci troviamo di fronte a una apertura di queste conoscenze, che diventano disponibili a persone comuni, in modo che possano trarne beneficio per se stesse e per la comunità.

E’ una necessità sempre più pressante, poiché l’intera umanità si sta trovando progressivamente sempre più chiamata a rispondere agli interrogativi spirituali dell’esistenza. Fondamentalmente alla domanda “Chi sono io?”.

Lo sciamanesimo, grazie agli strumenti che può dare per ritrovare un contatto con le profondità, può aiutare a trovare risposte che non si trovano certo nel razionale e nell’intelletto, bensì nel sentire corporeo. Non saprei come esprimere meglio tale concetto.

In sostanza stare nella natura, parlare con le piante, ingerirle, contemplare il fuoco, bagnarsi nell’acqua, suonare il tamburo, danzare, muoversi nelle foreste e nelle dune, stare nel silenzio, tutto questo con la consapevolezza di essere nient’altro che una emanazione di quella stessa natura e non qualcosa di staccato, permette di trovare un senso inesplicabile di appagamento e completezza.

E’ sicuramente semplicissimo sul piano sia concettuale che pratico. La parte difficile è eliminare tutte le macerie che sono state riversate su questo stato primordiale, che è la vera natura dell’Uomo.

Si tratta di macerie solide, liquide, psichiche, gassose, sonore, visive.

Il nostro lavoro, di fatto, consiste nel rimuoverle, per ritrovare nient’altro che ciò che siamo sempre stati: Entità Sacre e Divine in un Cammino Eterno.

Mauro Vishva Towé Villone

Il Metodo

Noi operiamo con un nostro metodo, basato sul sincretismo tra meditazione tantrica e vedica, sciamanesimo e utilizzo di tamburo sciamanico e respirazione Pranayama. Proponiamo meditazioni dinamiche molto potenti, che permettono di superare la barriera dell’ego e accedere al sistema limbico, arrivando molto in profondità nel nostro subconscio.

Obbiettivi

Obbiettivo degli incontri è trascendere la barriera della mente, per riuscire a entrare nelle camere del Re e della Regina. Le camere segrete dove è custodita la vera mitica essenza di noi stessi e della nostra vita.

GLI INCONTRI

Vivencias. Intraducibile dal portoghese. Si potrebbe tentare con “esperienze” o “vissuti”, ma Vivencias rende l’idea in maniera specifica, intraducibile in italiano.

Una grande attenzione sarà posta sulla Cura di Gruppo, estremamente profonda ed efficace.

Sabato 10.00-13.00

Discussione – Introduzione alla concezione sciamanica e vedica della vita. Eternità, reincarnazione, potere personale, importanza del gruppo.

Pratica – Il Bastone della Parola. Respirazione circolare e tamburo sciamanico. Canti sciamanici. Il cerchio di cura. Le relazioni, l’abbraccio.

Sabato 15.00-18.00

Discussione – Gli strumenti dello Sciamanesimo. Oggetti di potere. Gli elementi, piume, rocce, cristalli, legni, bastoni, semi, artigianato. Pipe, ventagli, tamburo, maracas, amuleti. Gli strumenti odierni dello sciamanesimo urbano. L’utilizzo degli strumenti per la cura.

Pratica – Sessione di Cura nativa. Autocura.

Domenica 10.00-13.00

Discussione – Le ricerche di Michael Harner. Il viaggio sciamanico. L’azione del tamburo sulle onde cerebrali. La modificazione degli stati di coscienza. L’uscita dalla mente. La gestione dell’ego. Il Potere Personale. Animali di Potere e Spiriti Guida.

Pratica – Il viaggio sciamanico col tamburo e i sonagli. Canti sciamanici.

Domenica 15.00-18.00

Discussione – L’energia cosmica. Prana, Orgon, Kundalini-Shakti. L’attivazione dell’energia. La risalita dell’energia lungo la Sushumna attraverso i chackras.

La danza, l’espressione corporea. Sentire nel corpo.

Pratica – La potente meditazione dinamica Bhairovì di Atma Namba.

Chiusura del Seminario.

Costo iscrizione

130,00€ entro 31 marzo
140,00€ entro 15 aprile
150,00€ entro 30 aprile
160,00€ dopo 30 aprile
Da versare sull’Iban sottostante

ASSOCIAZIONE GENTE DELLA CITTA’ NUOVA

BANCA BPER – AG.TORINO

IBAN: IT13Y0538701007000042188633

Dove sarà.

Comunicheremo location all’ultimo ai partecipanti. Non saranno richiesti pass ovviamente.

La zona sarà comunque Borgo Po a Torino, davanti al nostro amato corso d’acqua, immerso nel verde. Parte all’aperto, parte in licali chiusi.

Negli intervalli di pranzo ci organizzeremo con ognuno che porta qualcosa e lo condivide.

Il sabato sera si potrebbe cenare insieme in uno dei locali vicini.

Info

Whatsapp 00393487299033

Sessioni individuali

A richiesta a offerta libera. Sempre in zona Borgo Po, Madonna del Pilone. Della durata di circa 1 ora.

Dialogo, fumigazioni, massaggio spirituale, terapia vibrazionale con sonagli, tamburi, canti.

Sciamanesimo, Energia, Respiro

iolidia

Sciamanesimo, Energia, Respiro

Continuiamo con il nostro percorso dove condividiamo e trasmettiamo lampi di coscienza e attivazioni energetiche con l’unico scopo di mettere in moto la poderosa energia presente ovunque e in ognuno di noi.

Il punto è che le cose stanno in una maniera completamente diversa da come la maggioranza si ostina a credere.

Tutto quello che si vive quotidianamente, il lavoro, il governo, le restrizioni, le proteste, la politica, il business, lo spettacolo e via dicendo. Ovvero perlopiù tutto quanto è massificato, spettacolarizzato, consumato, venduto, in realtà non conta assolutamente niente ai fini della nostra vita.

La realtà è enormemente più complessa, profonda e soprattutto totalmente irrazionale in confronto a ciò che fanno credere da 2.000 anni.

Le vicende in corso sono il colpo di coda di questa finzione colossale. Quello che sta accadendo costringerà moltissimi a dover riflettere e abbandonare le loro ridicole credenze e, soprattutto, i loro giocattoli, come auto, armi, droghe, cibo, e distrazioni di ogni genere.

Sempre più gente, volente o nolente, dovrà rendersi conto che la realtà vera è solo ed esclusivamente una complessa e gigantesca trasformazione di energia, che investe anche gli esseri umani nel corpo fisico, energetico e spirituale.
Tutto il resto non è che una perdita di tempo che serve solo a mantenere imprigionate innumerevoli coscienze in quella che gli antichi Veda chiamano la Ruota del Samsara.

Chi vuole uscirne, per passare a stadi successivi, non ha altra scelta che attivare la poderosa e inaudita potenza della Divina energia sacra e femminile che i Veda chiamano Kundalini-Shakti.

Non dipende da date, corsi, fortuna, mente. Dipende solo ed esclusivamente dalla volontà, dall’amore, dalla fede di ogni individuo.

Come applicare Volontà, Amore e Fede.

  1. Con la Devozione
  2. Con l’Affidarsi
  3. Attivando il respiro e altre pratiche che agiscano su corpo, mente e spirito per mettere in circolo l’energia
  4. Utilizzando vibrazioni come quelle di tamburi, sonagli, canti e mantra
  5. Sviluppando la coscienza sulla propria vera natura di esseri di energia, dotati di vortici e canali di energia e pervasi di una energia cosmica immensa e poderosa, la Kundalini-Shakti
  6. Mettere questa energia in condizioni di collegare i diversi centri energetici, i chackras e tutto il sistema mente-corpo-spirito con la Terra e il Cielo. Ovvero creare e affondare radici nella Terra e nel Cielo.

In pratica

In pratica significa fare delle cose che realizzino questa circolazione di energia. Occorre ovviamente una pratica assidua, continuativa e prolungata nel tempo.

La pratica si effettua sia in solitudine che in gruppo.

La nostra proposta di 8 incontri online serve a creare un punto di riferimento per tutti noi, come ce ne possono essere altri, per praticare insieme e approfondire conoscenze e concetti.

Gli incontri sono il Lunedì e il Giovedì alle 20.00 online e durano circa 1 ora e 15 minuti, ma sono elastici.

Gli incontri

  1. Cos’è lo sciamanesimo. La filosofia indigena. Il rapporto che gli indigeni hanno con foreste, savane, deserti, montagne, corsi d’acqua. La poesia della Foresta. La sacralità della vita. Respirazione caotica. Meditazione “Chi sono io”.
  1. L’attivazione della Kundalini-Shakti. Sessione di 1 ora di Meditazione dinamica Bhairava.
  2. Gli strumenti dello sciamanesimo. Il Bastone della parola, il tamburo, i sonagli, gli amuleti, le erbe.n Viaggio sciamanico di 20 minuti con tamburo a 180 battiti al minuto e sonaglio.
  3. L’importanza del rapporto Maestro-Discepolo. La trasmissione dell’energia. Sessione di Meditazione Bhairava di 1 ora.
  4. Suoni, canti e vibrazioni. Risonanza. Sessione di Meditazione “Trivini” di 1 ora
  5. Lo Stare e il Silenzio. Sessione di Meditazione Dinamica Bhairava di 1 ora.
  6. I Chackras, i loro suoni e i loro colori. Meditazione sui Chackras. Cos’è la Sankalpa. Presa di coscienza e visualizzazione dei desideri. Respirazione caotica e visualizzazione del proprio Futuro a breve, medio e lungo termine.
  7. l simbolo del serpente come compare in numerose tradizioni. Sessione di Meditazione Dinamica Bhairava di 1 ora.

Inizio incontri Lunedì 7 marzo.

Costo iscrizione 80€

Info Wapp 00393487299033

Iscrizioni con deposito sul conto BPER

ASSOCIAZIONE GENTE DELLA CITTA’ NUOVA

CAUSALE: CORSO MEDITAZIONE

IBAN: IT13Y0538701007000042188633

Inviare al Wapp la ricevuta per ricevere indirizzo Zoom.

La Spada nella Roccia – Ritiro Spirituale sulle Colline Toscane dell’Alta Maremma

IMG_4092

8 – 12 giugno

Muoversi con l’istinto e l’intuizione

“Namah” è una parola sanscrita che significa più o meno “mi affico” o “mi consegno”. Potrebbe essere vicina alla parola inglese “surrender”. Quasi un arrendersi, senza accezzioni militari o negative. Ovvero semplicemente prendere coscienza dell’immanenza inimmaginabile e incomprensibile del creato.

In altre parole “Fede”.

Noi ci muoviamo così da tempo. E cerchiamo di trasmettere ad altri questo sentire in primo luogo perché ci divertiamo come pazzi a farlo e poi perché riteniamo sia utile, addirittura strategico per lo sviluppo del nuovo mondo.

Inoltre la “trasmissione” del sentire fa proprio parte del cammino spirituale. Ovvero non ci si può proprio esimere dal farlo se si intende crescere.

Ma soprattutto, ribadiamo, anche se tutto questo è diventato il nostro lavoro, ci divertiamo davvero.

Questo lavoro si inserisce in un progetto più ampio di valorizzazione del territorio e della sua sacralità, e di omaggio agli antenati, che stiamo sviluppando in diverse regioni italiane, come Piemonte, Lazio, Liguria, Toscana e di cui parleremo a breve in un altro articolo.

Cosa trasmettiamo

Al di là di intuizione, sentire, emozioni, amore, trasmettiamo competenze acquisite in decenni di lavoro e ricerca nei campi della comunicazione, dell’educazione, dell’arte, della spiritualità, della meditazione, dello sciamanesimo, della filosofia nativa, della vita nelle foreste e a contatto con la natura e gli indigeni.

Viviamo perlopiù in Brasile, dove collaboriamo con tribù Fulni-o, Guarany, Huni Kuin, Yawanawà e con persone come Carlos Sauer, che porta in Brasile decenni di esperienza con tribù nordamericane come Cheyenne, Lakota, Ogibwa e personaggi come Laercio Fonseca, astrofisico, ufologo e contattista.

Ma uno dei nostri punti di riferimento, per la filosofia Veda, la Meditazione, il Pranayama è un indiano del Tamil Nadu, il Maestro Atma Nambi.

I risultati di ciò che trasmettiamo ora e da anni sono tangibili e concreti. Testimoniati dal cambiamento della vita di ormai decine di persone.

Non è certamente solo merito nostro. Se3mplicemente risvegliamo forze ed energie poderosissime presenti in ognuno di noi.

Onore agli ancestrali

Per la prima volta teniamo in Italia un ritiro spirituale di 5 giorni.

La scelta è caduta su questo luogo poiché nulla accade per caso. In primo luogo in un ritiro a Torino nel 2021 abbiamo incontrato Stefania, la madre dei ragazzi che da anni portano avanti con molto amore il Resort del loro antenato, sorto sulle Colline Metallifere della Toscana, in una location straordinaria, più unica che rara.

Andrea e Emilio, insieme alle loro compagne, hanno avviato da anni, parallelamente all’attività di accoglienza del Resort, una attività estremamente seria di escursioni a cavallo.

Nell’ottobre 2021 siamo stai per diversi giorni in questo posto e ci è piaciuto tantissimo. La natura è a dir poco esagerata. Il resort, con una atmosfera retrò, è straordinario, l’attività con i cavalli è estremamente seria.

L’energia di tutta la situazione è superlativa, ma non finisce qui, il pezzo forte è ancora un altro.

Si sa come la Toscana sia un centro di cultura medievale e rinascimentale di livello mondiale. Questa zona in particolare, non distante da Siena, è ricca di storia e di borghi medievali, spesso legati a una attività storica del luogo, l’estrazione mineraria. Non per niente si chiamano Colline Metallifere.

Ma c’è di più. Nel XII secolo ebbe luogo una storia straordinaria, che ebbe come protagonista San Galgano, un Santo quasi dimenticato dalla tradizione popolare nazionale, ma molto ben conosciuto sia in loco che dagli appassionati di certi argomenti.

In realtà San Galgano fu un santo straordinario per via di alcune caratteristiche. Come diversi santi dell’epoca fu in gioventù un cavaliere e un guerriero. In particolare Galgano, in ossequio alla tradizione paterna, era devoto di San Michele Arcangelo. E grazie proprio a Galgano, questo luogo divenne parte dei tradizionali cammini di San Michele.

Ma la storia è lunga e complessa.

Secondo la tradizione Galgano incontrò in sogno gli apostoli, che lo esortarono a lasciare le vesti di cavaliere per dedicarsi alla meditazione, indicandogli il posto dove recarsi a pregare. Il luogo era Montesiepi. A quel tempo si trattava di un luogo impervio e difficile da raggiungere e dopo un travagliato processo di cambiamento interiore Galgano vi si recò, e qui pianto la sua spada di cavaliere nella roccia.

La spada si trova qui, infissa tra le rocce ancora oggi.

Galgano divenne monaco ed eremita e raccolse intorno a se altri ricercatori spirituali dell’epoca. Costruirono una prima cappella che poi venne ampliata, fino a diventare quello che è oggi, una piccola chiesa, molto particolare, caratterizzata da una pianta e una copertura circolari, ricche di sgnificati e simboli. Nei pressi sorse in seguito una abbazia cistercenze.

Il luogo è estremamente ameno a stracarico di energie, molto adatto alla meditazione e alla contemplazione.

Questo è uno dei luoghi che utilizzeremo per alcune meditazioni nel nostro ritiro. Inoltre per raggiungere il luogo si effettua una escursione attraverso luoghi selvaggi i natura incontaminata.

Essendo noi legati, tra le altre cose, alla figura dell’Arcangelo Michele, abbiamo scelto questo luogo per realizzare un ritiro spirituale.

Ma hanno contribuito alla scelta anche altri fattori, come l’attività con i cavalli fatta in un certo modo, nonché la sacralità del luogo, sostenuta da una quantità di siti particolari e avvenimenti storici.

La storia reale di Galgano e il mito che ne è scaturito è legato inoltre alla tradizione cavalleresca medievale, ed è evidente il legame con i racconti cavallereschi del ciclo Bretone, nei quali Re Artù, a differenza di Galgano, non infigge la spada nella roccia, bensì la trova e la estrae.

Il lavoro che faremo nel ritiro spirituale sarà legato anche a tutta questa simbologia.

Un’altra simbologia importante del luogo, sulla quale lavoreremo è il Dio bifronte Giano, che da il nome al luogo. Giano è una divinità molto antica, ricca di significati, dotata di due volti che guardano in direzioni opposte, al passato e al futuro. Giano è la divinità degli inizi.

Questo elemento, insieme ad altre simbologie legate alla Morte, saranno per noi oggetto di meditazione sul tema dell’inizio e della fine, a sua volta legato a una divinità Vedica fondamentale, Shiva, dio ella Distruzione e della Rinascita.

Questo lavoro si inserisce in un progetto più ampio di valorizzazione del territorio e della sua sacralità, e di omaggio agli antenati, che stiamo sviluppando in diverse regioni italiane, come Piemonte, Lazio, Liguria, Toscana e di cui parleremo a breve in un altro articolo.

Da Mercoledì a Domenica

Mercoledì

14-18 Arrivo e sistemazione

Ore 18 Incontro di benvenuto e presentazione in cerchio col Bastone della Parola. Canto sciamanico di Apertura. Il richiamo a raccoltra dei Guerrieri. Fumigazioni con la Salvia Bianca.

Ore 19 Introduzione a San Galgano, la Spada nella Roccia, San Michele, il Monachesimo nel Medioevo, la Rotonda di Montesiepi.

Ore 20.30 Cena

Giovedi

Dalle 8 alle 9 Colazione

Ore 10.30 Cerchio di cura. Meditazione e Respirazione. Meditazione profonda. Viaggio Sciamanico col tamburo a 180 battiti al minuto. L’Intento. Il progetto di vita di ognuno. Fumigazioni con la Salvia Bianca.

Ore 13.00 Pranzo leggero

Riposo fino alle 16.00

Ore 16.30-18.30 Filosofia Veda, gli insegnamenti di Atma Nambi. Meditazione Net Net. Uscire dalla Mente. Meditazione Trivini.

Ore 19.30 Cena

Ore 21.00-22.00 Canti sciamanici intorno al Fuoco Sacro

Venerdì

Dalle 8 alle 9 Colazione

Ore 10.30 Partenza escursione a cavallo (facoltativa) o in auto.

Ore 11.00 Arrivo al fiume. Bagno rituale di purificazione. Bagno con le erbe.

Ore 12.30 Meditazione e spuntino al fiume

Riposo fino alle 15.30

15.30 Ripresa escursione fino alla Rotonda di Montesiepi

16.30-18.00 Visita di Montesiepi, la Spada nella Roccia, il Monastero Cistercense. Meditazione in loco, sentendo e onorando con canti, tamburi e mantra le energie del luogo.

18.00 Ritorno al Resort

20.30 Cena

Sabato

Dalle 8 alle 9 Colazione

Ore 10.30-12.30 Respirazione e Meditazione. Meditazione Bhairava.

13.00 Pranzo

Riposo fino alle 15.30

Ore 15.30 Escursione a piedi nel bosco.

Ore 16.30 Visita dell’area sacra medievale.

Ore 17.30 Meditazione nella foresta. Canti sciamanici. Gli antenati, il perdono e la morte.

Ore 18.30 Ritorno al Resort

Ore 20.00 Cena

Ore 21.00 Ruota intorno al Fuoco Sacro. Liberazione di energia. Pitture del viso e Danze.

Domenica

Dalle 8 alle 9 Colazione

Ore 10.30 Ruota di cura con canti e mantra. Meditazione attiva. Cura Nativa di gruppo.

Ore 13.00 Pranzo

Ore 15.30 Incontro di anime. Bastone della parola.

Ore 17.00 Partenza

Info

Possibile prolungamento dell’esperienza nella settimana successiva, con sesioni di cura private, specifiche su diversi temi.

ISCRIZIONI

E’ importante raccogliere le iscrizioni in tempi brevi per ragioni organizzative.

In particolare per la prenotazione delle camere.

I posti sono limitati.

Costi

Iscrizione entro 31 marzo.
750,00 €. Tutto incluso.

Pernottamento e pasti. Spostamenti, escursioni in auto e a piedi. Lezioni e incontri.

Pernottamento in camera doppia. Letti matrimoniali o singoli.

La camera singola richiede un supplemento di 84€.

Piscina.

Iscrizione entro 15 aprile
800,00 € tutto incluso
Iscrizione entro 30 aprile
850,00 € tutto incluso
Iscrizioni dopo 30 aprile, in relazione a eventuali posti ancora liberi.
900,00 € tutto incluso

Non sono incluse bevande extra, sconsigliati alcolici.

Non sono incluse sessioni private.

Escluse eventuali escursioni a cavallo. Costo 25 € l’ora.

Prolungamento dell’esperienza.

Qualora fossero disponibile le camere nella settimana successiva al ritiro, abbiamo pensato di dare la possibilità di prolungare l’esperienza.

Il solo pernottamento con colazione e cena (mezza pensione)avrà un costo di 75 € al giorno.

Il pernottamento e i pasti più il proseguimento del lavoro spirituale di gruppo e una sessione privata specifica ogni giorno avrà un costo di 170 € al giorno.

Nei giorni successivi organizzeremo altre meditazioni di gruppo e altre escursioni, come per esempio quella nel paese di origine di San Galgano e altri borghi medievali. Oppure un ritorno alla Rotonda di Montesiepi.

Sessioni private a richiesta nella settimana successiva al ritiro.

Info e iscrizioni

Whatsapp Mauro Villone 00393487299033

Email: mauro.villone@libero.it

Per iscrizione versamento sul seguente conto intestato a:

ASSOCIAZIONE GENTE DELLA CITTA’ NUOVA

BANCA BPER – AG.TORINO

IBAN:  IT13Y0538701007000042188633

In alternativa ricarica carta Postepay a richiesta scrivendo a Whatsapp 00393487299033

Emissione ricevuta solo a richiesta.

Attestato di partecipazione solo a richiesta.

Come arrivare al Rifugio Prategiano

Il Rifugio, che è poi un affascinante Hotel retrò, dotato di piscina, Spa, piscina riscaldata e altri servizi, si trova immerso in un paesaggio da urlo tra le colline dell’Alta Maremma toscana, non lontano dal comune di Montieri.

Offre escursioni a cavallo, in moutain bike, in auto, in moto, a piedi.

https://www.hotelprategiano.it/

A questo link trovate info e foto.

Si può arrivare in treno a Follonica. Da qui autobus fino a Montieri. A Montieri veniamo a prendervi.

In alternativa navetta organizzata dall’Hotel che viene a prendervi a Follonica. Costo 60€. Oppure c’è il taxi.

Si può arrivare in treno anche a Siena.

Qui la mappa: https://www.hotelprategiano.it/dove-siamo/

 

 

Meditazione, Respirazione, Vibrazione – Corso online

Meditazione, Respirazione, Vibrazione

Sette incontri online su piattaforma Zoom, della durata 1 ora e 20 minuti ciascuno.

INIZIO PREVISTO MERCOLEDI’ 19 GENNAIO

Avranno luogo il mercoledì e la domenica dalle ore 20.00 italiane.

Saranno disponibili le registrazioni per 2 mesi.

Perché partecipare

Per aumentare la consapevolezza, rafforzare la fiducia in se stessi, riconoscere il proprio Potere Personale, riconoscere e amare i propri veri desideri, uscire dal sistema e dalla matrix, scoprire la propria missione, contribuire concretamente al cambiamento in atto, essere felici come si merita, vivere veramente, scoprire il proprio enorme potenziale, rafforzare il sistema immunitario.

Tutto questo non lo faremo noi o il corso. Lo farete voi applicando quotidianamente i concetti e le pratiche che trasmetteremo.

Chi siamo

Mauro Vishva Towé Villone e Lidia Sangeeta Kleklé Urani. Ricercatori spirituali di lungo corso. Siamo residenti in Brasile, dove dirigiamo una Ong con annessa Guesthouse e Centro olistico e facciamo circa due viaggi all’anno in Italia, dove teniamo incontri, corsi e seminari.

Siamo teachers accreditati della Scuola Spirituale del Maestro Atma Nambi in India, la Upanisha Ananda Mandir. Siamo allievi e collaboratori di Carlos Sauer, brasiliano, a sua volta del lignaggio dei Cheyenne e dell’antropologo-sciamano americano Michael Harner.

Siamo formati a Pranic Healing, Tchikung, Buddismo, Meditazione Profonda, Benzimento, Reiki Sciamanico e altre discipline. Operiamo da dieci anni nel settore olistico.

Collaboriamo con Pajé (sciamani) della Tribù Fulni-o del Pernambuco e siamo Guardiani Huni Kuin (Ayahuasca).

Abbiamo creato un sistema personale che sincretizza Respirazione Pranayama, Meditazioni Dinamiche e Tamburo Sciamanico.

A chi sono destinati

Sia a meditatori esperti che principianti che abbiano già partecipato o meno ai nostri incontri sia presenziali che online. O anche a persone senza alcuna esperienza.

Poiché il punto fondamentale è la trasmissione di energia all’interno di un gruppo. Partecipando alle attività collettive, anche online, si crea un flusso di energia che cura sia chi vi assiste che chi tiene la lezione.

Come sono strutturati gli incontri

Una prima parte teorica e una seconda parte di esercizi pratici di meditazione, respirazione, tamburo sciamanico, mantra e canti.

I primi quattro incontri saranno dedicati all’introduzione di numerosi concetti di pratica e filosofia Yoga, Pranayama e Sciamanesimo.

Questi primi quattro incontri avranno lo scopo di preparare ai successivi tre, nei quali si effettuerà la potentissima meditazione dinamica Bhairova, della durata di un’ora per ogni sessione.

Per tale ragione occorre iscriversi all’intero ciclo di sette incontri al costo di 70€.

Obbiettivo

Trasferire energia, informazioni, pratiche, condivisione, con lo scopo di mettere i partecipanti in condizioni di realizzare cicli di sessioni di meditazione dinamica per recuperare il contatto con se stessi, con la propria anima, con il proprio potere personale e con i propri desideri.

L’uscita dalla paura e l’ingresso nell’Amore. Il rafforzamento del sistema immunitario. Vivere una vita da guerrieri senza guerra. Essere Guerrieri di Pace.

Programma

1° incontro

Parte teorica

Introduzione al Pranayama. Importanza della respirazione. Funzione di cuore e polmoni. Lo scambio chimico ed energetico. Funzione del diaframma. Asanas Yoga consigliate. I Banda. Il sistema dei Chackras. I corpi sottili. Gli stati di coscienza. Onde cerebrali Beta, Alfa, Theta e Gamma. Stato di veglia, sonno, sonno profondo, fase Rem, sogno, stato definito dagli antichi Veda come Thuria.

Le Nadi, Sushumna, Ida e Pingala. Connessione di Chackras con le ghiandole endocrine. I 7 Chackras principali e gli Undici Chackras del sistema di Master Choa Cock Sui e la loro connessione con l’Albero della vita e le 11 Sefire della Cabalà ebraica.

Approfondimento del Chackra n. 1, il Muladhara.

Parte pratica

Esercizi di Pranayama. Respirazione circolare ritmata dal tamburo sciamanico e dai mantra. Modificazione dello stato di coscienza. Rilassamento.

2° incontro

Parte teorica

La vera natura energetica del cosmo. Fisica quantistica e realtà della vita. Il riscontro scientifico della antichissima affermazione dei Veda “Shaktie Sathiam”, “Tutto è Energia”. Particelle subatomiche, materia inanimata ed esseri biologici. Gli stati della materia e i quattro elementi alchemici, terra, acqua, aria e fuoco e la loro connessione con i Chackras e i colori.

Gli esseri umani come addensamenti di energia.

L’uscita dalla matrix e dal sistema. L’uscita dal sistema spazio-tempo. La concezione del tempo, il Calendario Gregoriano, il tempo cosmico e altri calendari.

Approfondimento chackra n. 2, Svadistana.

Parte pratica

  1. Meditazione guidata “Chi sono io?”
  2. Respirazione Kapalabhati, guidata da commento musicale e tamburo sciamanico.
  3. Rilassamento

3° incontro

Parte teorica

Cosa siamo venuti a fare sulla Terra. La Terra, il sistema solare, la galassia, il cosmo. Il Progetto Terra del veggente e medium brasiliano Laercio Fonseca. I sette livelli energetici di ogni pianeta. Vita extraterrestre. La federazione galattica. L’evoluzione degli umani e del pianeta. La nostra missione, a livello di umanità, di gruppo e individuale. L’importanza dei nostri desideri. L’abbandono e il significato della parola sanscrita Namah. La volontà, la responsabilità, la determinazione. La sincronicità. Il sostegno di Dei, Spiriti, Angeli e Antenati.

Il significato e l’importanza dei maestri, degli Illuminati e degli Uomini Medicina.

Introduzione alla Meditazione Dinamica Bhairova.

Approfondimento del Chackra n. 3 Muladhara.

Parte pratica

Sessione di respirazioni Pranayama.

Sequenza, guidata da tamburo, musiche e mantra, di respirazione circolare-respirazione kapalabhati-respirazione del cane.

Rilassamento.

4° incontro

Parte teorica

I nostri veri desideri. Obbiettivi. Riconoscimento dei desideri. Distacco dai desideri indotti dal sistema. Bisogni reali e indotti. Reali necessità. La vera felicità. Condivisione e solidarietà. Compassione. Realizzazioni concrete. L’importanza del gruppo, del cerchio, della cura reciproca.

L’unica vera guarigione, quella dell’amore. La felicità del semplice “essere”, “stare”, senza “fare” alcunché. Il “non-fare” dello stregone.

Occuparsi delle istanze altrui. Senso del dovere e senso di colpa.

Siamo stati progettati per l’Amore e la Devozione.

Mantra devozionali. Il Mantra AUM.

Approfondimento del 4° Chackra. Il Cuore.

Parte pratica

Mantra devozionali.

Sequenza di Respirazioni Pranayama, seguite dal Mantra AUM.

Rilassamento.

5° incontro

Parte teorica

Ripulire la propria vita dalle scorie fisiche, emozionali, spirituali. Riconoscere, accettare, vivere le emozioni. Riconoscere i traumi. Aprire il cuore. La riconnessione con l’anima. Il viaggio sciamanico e il recupero dell’anima. Importanza e necessità del perdono. Il perdono come pratica di non-attaccamento a emozioni negative. Morte e rinascita.

Approfondimento del 5° Chackra. Il suono e la Comunicazione.

Parte pratica

Un’ora di meditazione dinamica Bhairova.

Rilassamento.

6° incontro

Parte teorica

Il nostro immenso Potere Personale. Fede e fiducia in se stessi. La sconfitta delle paure e il rafforzamernto del sistema immunitario. Natura divina dell’essere umano. Totale realizzazione del Se. Dissolvimento dell’ego. La presa di coscienza della propria vera natura. Il cambiamento vero come salto quantico nello sviluppo della Coscienza. La vera Rivoluzione. L’uscita dall’illusione.

Approfondimento del 6° Chackra. La luce e la visione profonda.

Parte pratica

Un’ora di meditazione dinamica Bhairova.

Rilassamento.

7° incontro

Parte teorica

L’importanza della Meditazione quotidiana. L’introduzione di pratiche quotidiane per lo spirito, la mente e il corpo a livello fisiologico. Cicli di meditazione di 21 giorni con obiettivi precisi. La Sankalpa.

La morte non esiste. La vita come un continuum eterno al di fuori dello spazio-tempo.

Approfondimento del 7° Chackra. Comunicazione con il Divino. Illuminazione. Realizzazione totale e assoluta Libertà.

Parte pratica

Un’ora di meditazione dinamica Bhairova.

Rilassamento.

Info Wapp 00393487299033

Iscrizioni con deposito sul conto BPER

ASSOCIAZIONE GENTE DELLA CITTA’ NUOVA

CAUSALE: CORSO MEDITAZIONE

IBAN: IT13Y0538701007000042188633

70€ con iscrizione entro 14 gennaio

80€ con iscrizione successiva a questa data

Inviare al Wapp la ricevuta per ricevere indirizzo Zoom.

20201229_211430

Unaltrosguardo su viaggi, eventi, fatti, luoghi, persone – Testi e foto di Mauro Villone, se non diversamente specificato