Para Ti

Attività Para Ti

parati16

Pubblichiamo questa scheda con la finalità di informare tutti sulle attività svolte in diversi decenni a Para Ti.
Queste informazioni sono destinate soprattutto a volontari e a chi intenda fare un’esperienza solidale al nostro centro Para Ti di Rio. Per rendere conto di ciò che è stato fatto in 25 anni di attività. Una delle caratteristiche principali per dare davvero una mano è quella di avvicinarsi a questo tipo di esperienze con profonda umiltà. Chiunque si accinga a un compito di questo tipo dovrebbe essere cosciente del fatto che è molto di più ciò che si prende che ciò che si da. Grazie a tutti.

1985. La Scatola Magica. Un’idea di Lidia Urani, antesignana al tempo dell’intervento sociale nelle favelas, diventato di moda negli ultimi dieci anni. Il progetto, articolato e destinato a bambini carenti delle comunità povere interessa il grande artista italiano Bruno Munari. Ne scaturisce un libro, realizzato da Lidia (foto e testi) che inserisce nella collana di Munari.
1992. Il laboratorio di Lidia Urani a Rio de Janeiro. Zanichelli Editore
1993-1998 Lidia Urani avvia la collaborazione con l’autorevole educatore e pedagogista, orientatore pedagogico di Torino e altre città italiane. Parte il progetto Mostre “Vivere e giocare nel mondo”. Viene allestita una grande mostra sotto la direzione di Lidia con istallazioni che illustrano la vita nelle favelas. Vengono utilizzati materiali poveri e di riciclo, artigianato originale brasiliano, oggetti della tradizione.
2007. Progetto fotografico Unaltrosguardo. Viene realizzato un laboratorio di fotografia da Mauro Villone insieme a Lidia Urani. Vengono fornite ai bambini del centro macchinette fotografiche usa e getta e alcune piccole digitali. Ne scaturisce materiale straordinario che verrà utilizzato per un libro, un’asta raccolta fondi alla galleria Sandretto Re Rebaudengo di Torino, mostre, proiezioni e presentazioni a FotoRio e in altre gallerie e scuole in Italia.

Cop_un altro sguardo
2008-2010. Il progetto Unaltrosguardo viene esportato e realizzato in altre location in Italia.
2012. Realizzazione del video “Mira” della cantante di jazz-blues di Philadelphia Melody Gardot. Realizzato con il suo staff proveniente da USA, GB e Brasile.
2012. Apertura ai volontari con l’accoglienza di numerosi candidati soprattutto dall’Italia, ma anche da Uruguay, USA, Svizzera e successiva trasformazione dell’attività in Workshop di volontariato.
2012. Viene intensificata la partnership con la Casa do Menor di Padre Renato, con l’obbiettivo di operare insieme per la denuncia sociale e l’aiuto a bambini e ragazzi. Padre Renato diventa per noi un punto di riferimento sociale e umano. Da lui abbiamo assorbito il concetto di Pedagogia-Presenza.
2012. Lanciamo nel nostro Turin Photo Festival il Premio di Fotografia Sociale Franco Urani. Vinto da Marco Bottani.
2012. Aziza Karrara imprenditrice di Torino italo-egiziana fornisce con la sua azienda, produttrice di colori, stencyl e accessori per l’arredamento creativo, materiali per laboratori con i bambini. Aggiunge una significativa donazione in denaro. Regina Fernandes, docente all’Università di Rio e grande esperta di colore e comunicazione visiva, tiene alcune lezioni utilizzando questi materiali.
2013. Viene varato il sito www.parationg.org
2013. Prosegue l’attività con i volontari. La danzatrice francese Flore Morel tiene alcune lezioni di danza a Para Ti.
2013. Marcelo Dantas, pittore di grande talento della favela Rocinha inizia a vendere le sue opere nella boutique “Madeinfavela”. Affresca sei camere della Guesthouse e tutte le aule e gli spazi del Centro per i bambini.
2013. Iazaldir Feitoza, ex bambino di Para Ti e ragazzo di favela, diventato campione internazionale di corse in montagna, tiene un workshop su Sport e Salute ai bambini di Para Ti.
2013. Domenico Villone e Gladys Mosso si recano in visita a Rio e Para Ti. Domenico realizza un laboratorio creativo con i bambini insegnando a utilizzare materiali di recupero per costruire plastici e un teatrino con i burattini. Gladys, in sedia a rotelle, dona la sua Presenza ai bambini.
2014. Marco Bottani, fotografo professionista, specializzato in fotoreportage sociale, vincitore al Turin Photo Festival 2012 del Premio di Fotografia Sociale Franco Urani, viene ospitato a Para Ti Guesthouse per una residenza d’artista.
2014. Ivan Tanteri, dopo gli interventi degli anni passati a Vila Canoas e, soprattutto, alla Casa do Menor di Padre Renato, torna a Para Ti per una residenza d’artista. Realizza un laboratorio teatrale con i bambini, utilizzando la sua lunga esperienza di grande artista-ricercatore e le sue metodologie creative pedagogiche.
2014. Viene realizzata e varata la Para Ti Guesthouse, per ospitare viaggiatori solidali, volontari, turisti responsabili.
2014. Betty Ignacio, coreografa francese, tiene due mesi di corso di danza ai bambini di Para Ti.
2014. Inizia l’attività di Meditazione Infantile. Con lui stiamo inoltre progettando un percorso educativo che include yoga, fotografia, teatro, gastronomia. Progetto della durata di un anno, rinnovabile.
2014. Un gruppo di imprenditori americani di San Diego, California, effettua una cospicua donazione per il nostro progetto di turismo culturale consapevole per i bambini di Para Ti.
2014. Iano Nicolò, musicista free-lance e cantante degli Arti&Mestieri e Elena Vecchi, pittrice, creativa ed educatrice, sono a Rio in agosto, ospitati da Para Ti, con i ragazzi del Centro Aquilone di Alba, per una residenza socio-pedagogica e per tenere laboratori creativi con i bambini di Para Ti.
2014. Inizia la collaborazione con i Guardiani della Foresta per il sostegno agli indios Huni Kuin dell’Acre/Amazzonia. Vengono ospitati nella Para Ti Guesthouse e viene dato supporto logistico nell’organizzazione di eventi e cerimonie.
2015. Si intensifica l’attività con gli indigeni d’Amazzonia.
2015. Si intensifica la collaborazione con Carlos Sauer e Juliana Ramos, si apre la collaborazione al sostegno degli indios Fulni-o del Pernambuco, per diversi mesi ospitati a Para Ti Guesthouse.

IMG_5782
2015. Si apre la collaborazione con il Guru indiano Atma Nambi, da quest’anno ospitato regolarmente a Para Ti Guesthouse che promuove anche cerimonie e workshop con lui.
2015. Viene ospitata una volontaria per la realizzazione di una tesi sull’impatto sociale delle ONG.
2015. Varata la collaborazione con Bruno Gimarães, attore e regista teatrale di Bahia, che settimanalmente svolge attività didattica con i bambini.
2015. Avviata la collaborazione con André Americo, attore, musicista, ballerino, percussionista carioca, che svolge a tutt’oggi attività didattica con le percussioni e di animazione con i bambini.
2016. Si apre la collaborazione con il Maha Ashram di Buzios per organizzazione di eventi spirituali. I collaboratori dell’ashram svolgono anche attività didattiche con i bambini di Para Ti.
2016. Continuano le attività didattiche di teatro, cinema, percussioni, gastronomia, doposcuola, gioco educativo.
2016. Escono diversi articoli su Para Ti, Lidia Urani e Mauro Villone su alcuni media italiani.
2016. Partecipazione dei bambini di Para Ti realizzato dal cantante torinese Francesco Trimani dedicato alla città di Torino.
2016. Intensificazione dell’attività di turismo solidale per il mantenimento del centro.
2016. Realizzazione del libro Unaltrosguardo su Rio, guida fotografica e culturale alla città.
2017. Dopo le esperienze degli anni precedenti viene riformato il sistema di reclutamento e selezione dei volontari. Vengono accettati solo per periodi limitati, dopo aver superato una attenta selezione. Vengono valutate anche candidature per lunghi periodi, ma dopo strettissima selezione, orientata non solo alle competenze dei volontari, ma anche alle inclinazioni sociali e filosofiche.
2017. Intensificazione dell’organizzazione dei viaggi spirituali e di cura a Rio.

Alcune attività realizzate nel tempo, in ordine sparso

Atelier pittura e collage
Inglese e francese giocando
Costruzione pupazzi
Costruzione plastici
Argilla
Decoupage
Taglio e cucito, Tricot, crochet
Maquillage,
Fotografia
Cantastorie e racconti di storie indigene amazzoniche e africane
Pattinaggio
Incontri con indigeni
Sport, calcio, tennis, pallavolo
Lettura ad alta voce
Feste tradizionali
Feste di compleanno
Educazione al colore
Pittura e disegno
Graffiti
Serigrafia
Falegnameria (con adolescenti)
Computer, informatica
Dattilografia
Danza
Yoga
Ripetizioni matematica e portoghese
Mandala
Artigianato
Prestito libri
Giornalismo
Sostegno psicologico
Orticoltura
Giocoleria
Ginnastica per anziani
Laboratori di ceramica e vetro

…e molte altre…

Incubatrice università PUC
70 giovani laureati

5 tesi
Psicologia
Ingegneria
Architettura
Economia
Antropologia

Accogliamo con piacere eventuali progetti da parte di volontari che verranno vagliati e strettamente selezionati dalla direzione.

unaltrosguardo@libero.it

parati6

Rispondi