Archivi tag: meditazione

Essere Arte – Seminario Luglio 2022

ESSERE ARTE

Donna che prega nel Gange Ph. mvillone
Donna che prega nel Gange Ph. mvillone
SEMINARIO A TORINO
2-3 LUGLIO 2022
CIRCOLO DEGLI ARTISTI
con Mauro Vishva Towé
e
Lidia Sangeeta Kleklé

Tema

Tema del Seminario è “Essere Arte”. Tema cruciale e centrale di tutta la nostra filosofia e ricerca è esattamente la presa di coscienza del valore intrinseco dell’esistenza e di ogni essere umano. Questo tema è connesso con quelli che sono gli insegnamenti trasmessi dal Maestro Atma Nambi e dagli sciamani di Nord e Sudamerica. L’Essere Umano come Opera d’Arte.

Infatti il libro di Atma Nambi, che abbiamo in progetto di tradurre in italiano, porta il titolo: “The Human Anthem”. Che noi traduciamo come “Inno all’Umanità”.

Gli insegnamenti di Atma Nambi in sintesi.

Abbiamo incontrato Atma Nambi, proveniente dal Tamil Nadu, su dell’India, diversi anni fa in Brasile. Fu ospite nella nostra sede di Rio de Janeiro dove tenne un primo seminario. Da allora abbiamo instaurato con lui una profonda amicizia e abbiamo partecipato, anche come suoi assistenti, a diversi seminari, anche della durata di diverse settimane, fino a ioltre un mese. Abbiamo condiviso con lui diversi mesi di convivenza e siamo diventati insegnanti accreditati dell’Upanisha Ananda Mandir, la sua scuola e Ashram in India.

Gli insegnamenti che ci ha trasmesso sono innumerevoli. Meditazioni, statiche e dinamiche, respirazioni Pranayama, metafisica, filosofie occidentali e orientali, sistemi di meditazione arcaici e recenti.

La nostre innumerevoli esperienze con la spiritualità in India, Italia e Brasile ha fatto si che potessimo creare un nostro sistema, nel quale sincretizziamo concezioni orientali e sciamaniche, utilizzo di piante medicina e procedure indigene come la Pajelança, la cura nativa brasiliana, respiro Pranayama e Tamburo Sciamanico.

Queste pratiche, un tempo riservate ad adepti e iniziati, oggi, per ragioni storiche, culturali, spirituali e soprattutto di sviluppo delle coscienze individuali e della coscienza collettiva, possono essere raggiunte e messe in atto da innumerevoli persone in tutto il mondo. La finalità di tutto questo è l’espansione della coscienza. Che è ciò che permetterà all’umanità di salvarsi dal baratro che si trova di fronte, mettendo se stessa in condizioni di trovare il proprio vero posto nel cosmo e il valore di ogni singolo Essere Umano.

Perché avvicinarsi oggi allo sciamanesimo?

Perché si tratta di un insieme di pratiche, di saggezza e di conoscenze ancestrali antichissime che possono aiutare enormemente le persone comuni di oggi.

In passato lo sciamanesimo era praticato e guidato da quelli che oggi chiamiamo, a seconda dei luoghi e delle culture, sciamano, pajé, medicine-man, curandero o con altri appellativi, nelle culture tribali. Ma tutta la tribù partecipava a pratiche e cerimonie. Avviene ancora oggi nelle culture native sopravvissute.

La ricerca spirituale occidentale di oggi ha riacceso da alcuni decenni l’interesse per queste pratiche.

Fondamentalmente questo tipo di visione della vita porta alla connessione profonda con il proprio sé, che a sua volta è profondamente connesso con la natura e il Sé transpersonale di tutto l’universo.

Attraverso questo tipo di coscienza e muovendosi per istinto e intuizione tra i simboli naturali, come piante, erbe, animali, suoni, elementi, lo sciamano può agire sia sulla realtà spirituale che su quella materiale, permettendo di ottenere risultati concreti.

Questi risultati concreti possono essere della natura più diversa.

La nostra ricerca personale ci porta a cercare, oltre la sopravvivenza e il benessere materiale, benessere psicofisico, pace, serenità, buone relazioni, espansione della consapevolezza, conoscenza.

Come è avvenuto e sta avvenendo con le pratiche orientali e l’esoterismo europeo, oggi ci troviamo di fronte a una apertura di queste conoscenze, che diventano disponibili a persone comuni, in modo che possano trarne beneficio per se stesse e per la comunità.

E’ una necessità sempre più pressante, poiché l’intera umanità si sta trovando progressivamente sempre più chiamata a rispondere agli interrogativi spirituali dell’esistenza. Fondamentalmente alla domanda “Chi sono io?”.

Lo sciamanesimo, grazie agli strumenti che può dare per ritrovare un contatto con le profondità, può aiutare a trovare risposte che non si trovano certo nel razionale e nell’intelletto, bensì nel sentire corporeo. Non saprei come esprimere meglio tale concetto.

In sostanza stare nella natura, parlare con le piante, ingerirle, contemplare il fuoco, bagnarsi nell’acqua, suonare il tamburo, danzare, muoversi nelle foreste e nelle dune, stare nel silenzio, tutto questo con la consapevolezza di essere nient’altro che una emanazione di quella stessa natura e non qualcosa di staccato, permette di trovare un senso inesplicabile di appagamento e completezza.

E’ sicuramente semplicissimo sul piano sia concettuale che pratico. La parte difficile è eliminare tutte le macerie che sono state riversate su questo stato primordiale, che è la vera natura dell’Uomo.

Si tratta di macerie solide, liquide, psichiche, gassose, sonore, visive.

Il nostro lavoro, di fatto, consiste nel rimuoverle, per ritrovare nient’altro che ciò che siamo sempre stati: Entità Sacre e Divine in un Cammino Eterno.

Il Metodo

Noi operiamo con un nostro metodo, basato sul sincretismo tra meditazione tantrica e vedica, sciamanesimo e utilizzo di tamburo sciamanico e respirazione Pranayama. Proponiamo meditazioni dinamiche molto potenti, che permettono di superare la barriera dell’ego e accedere al sistema limbico, arrivando molto in profondità nel nostro subconscio.

Ma non solo. Creiamo un Campo di Guarigione Energetica con l’impiego di tamburi, canti sciamanici, mantra, gridi, offerte, pratiche sciamaniche diverse di nord e sudamerica, danze, musiche e diverse pratiche di contatto corporeo.

Obbiettivi

Obbiettivo degli incontri è trascendere la barriera della mente, per riuscire a entrare nelle camere del Re e della Regina. Le camere segrete dove è custodita la vera mitica essenza di noi stessi e della nostra vita. La nostra Opera d’Arte personale.

GLI INCONTRI

Vivencias

Sabato 10.00-13.00

Discussione – Introduzione alla concezione sciamanica e vedica della vita. Eternità, reincarnazione, potere personale, importanza del gruppo. La scoperta dell’arte intrinseca della Vita. Il Valore intrinseco di ogni essere umano.

Pratica – Il Bastone della Parola. Respirazione circolare e tamburo sciamanico. Canti sciamanici. Il cerchio di cura. Le relazioni, l’abbraccio.

Sabato 15.00-18.00

Discussione – L’energia cosmica. Prana, Orgon, Kundalini-Shakti. L’attivazione dell’energia. La risalita dell’energia lungo la Sushumna attraverso i chackras.

La danza, l’espressione corporea. Sentire nel corpo.

Pratica – Potente meditazione dinamica del Maestro Atma Nambi.

Domenica 10.00-13.00

Discussione – Le ricerche di Michael Harner. Il viaggio sciamanico. L’azione del tamburo sulle onde cerebrali. La modificazione degli stati di coscienza. L’uscita dalla mente. La gestione dell’ego. Il Potere Personale. Animali di Potere e Spiriti Guida.

Pratica – Il viaggio sciamanico col tamburo e i sonagli. Canti sciamanici.

Domenica 15.00-18.00

Discussione – Gli strumenti dello Sciamanesimo. Oggetti di potere. Gli elementi, piume, rocce, cristalli, legni, bastoni, semi, artigianato. Pipe, ventagli, tamburo, maracas, amuleti.

Gli elementi naturali, Aria, Acqua, Terra e Fuoco. Gli elementi biologici della Natura. Il Popolo di Pietra, le Rocce, i Cristalli e le Montagne. Il Popolo in piedi, le Piante. Elementi geografici come pianure, deserti, oceani, mari e fiumi.

Pratica

1. Canti sciamanici. Cerchio di sguardi dell’Alleanza.

2. Bastone della parola e cura nativa

Portare lumini e fiori, e altre offerte vestire abiti bianchi e colorati.

Chiusura del Seminario.

I programmi possono subire variazioni in base all’energia del momento, del luogo e del gruppo.

Costo iscrizione

170,00€ entro 15 giugno

175,00€ entro 30 giugno

180,00€ dopo 30 giugno

Da versare sull’Iban sottostante

ASSOCIAZIONE GENTE DELLA CITTA’ NUOVA

BANCA BPER – AG.TORINO

IBAN: IT13Y0538701007000042188633

 

Calendario Attività Para Ti Circle – Aprile-Giugno 2022

Calendario Attività Para Ti Circle – Aprile-Giugno 2022

gitanos

15 Aprile – Torino. Meditazione Dinamica Bhairovì. Associazione Danza Arkè.

http://www.unaltrosguardo.it/2022/03/meditazione-bhairovi-chackras-arke.html

20-23 Aprile – Brianza. Oriente Day, Parco di Monza. 20 Aprile Ruota del Fuoco. 23 Aprile Mattino >Conferenza, Pomeriggio Workshop. Info Whatsapp 00393487299033

https://orienteday.com/

14-15 Maggio – Torino. Seminario Meditazione e Sciamanesimo. Chi sono io?

http://www.unaltrosguardo.it/2022/02/chi-sono-io-seminario-torino-14-15-maggio-2022.html

20-21 Maggio. Festival del Dono. Info https://t.me/festivaldeldono e Whatsapp 00393487299033

https://www.comunitadelfuturo.it/

28-29 Maggio. L’Abbondanza della Madre Terra.

http://www.unaltrosguardo.it/2022/05/labbondanza-della-madre-terra-cerimonia-in-alta-langa.html

8-12 Giugno, Alta Maremma Toscana. Ritiro di 5 giorni. La Spada nella Roccia.

http://www.unaltrosguardo.it/2022/02/la-spada-nella-roccia-ritiro-spirituale-sulle-colline-toscane-dellalta-maremma.html

17-19 Giugno. Farnese, Tuscia, Alto Lazio. Il Cammino Incantato.

http://www.unaltrosguardo.it/2022/03/il-cammino-incantato-farnese-e-selva-del-lamone.html

25-26 Giugno. La Fuente, Tivoli (Roma).

http://www.unaltrosguardo.it/2022/03/seminario-la-fuente-tivoli-25-26-giugno-2022.html

Altre date sono in fase di definizione.

Probabilmente: Torino 8 Maggio, Alta Langa 4-5 Giugno, Tivoli da definire a fine Giugno, in seguito da definire nelle Marche.

In progress….

Info, anche per Sessioni Private Whatsapp 00393487299033

IMG-20201112-WA0088

Meditazione Bhairovì e Chackras – Arkè, Torino – 15 Aprile 2022

Meditazione Bhairovì e Chackras

Foto @vishvatowé
Foto @vishvatowé

Una esperienza di danza meditativa da Arkè

A Torino 15 aprile dalle 19.30 alle 21.30

Si tratta di una potente meditazione dinamica che utilizza la danza e il movimento.

La durata è di circa un’ora ed è una sequenza di movimenti e danze, seguiti da un tempo di rilassamento, da effettuare sempre in piedi.

Lo scopo di questa meditazione molto fisica ed emozionale è l’attivazione di energie profonde, sopite, ma poderose, connesse con i nostri chackras, i centri di energia principali del nostro corpo fisico e astrale.

È utile anche al risveglio della Kundalini-Shakti, la poderosa e divina energia femminile, che di solito, specie tra gli occidentali, è sopita e dormiente nei chakra inferiori, in particolare nel Muladhara, il Chakra base, che si trova in prossimità del perineo. In realtà non si trova nel corpo fisico, bensì nel corpo energetico ed è collegato a una ghiandolina minuscola e molto poco conosciuta, chiamata, dal nome del suo scopritore, ghiandola di Looksha, posizionata sulla punta del coccige.

I Chackras principali secondo i Veda sono 7 e ognuno di loro governa una regione del corpo fisico ed è connesso a determinate ghiandole. Inoltre ogni Chackras presenta numerosissime caratteristiche e connessioni con colori, elementi naturali, minerali, animali, fiori, suoni e diversi altri aspetti del mondo naturale, culturale, geometrico e matematico. Il loro studio è molto complesso e fondamentale, ma per chiunque vi si avvicini la cosa più importante è la presa di coscienza della loro esistenza e il sentire il loro movimento energetico. Un altro scopo molto importante di questa meditazione è proprio il risveglio di questa coscienza. Il primo è il già descritto Muladhara, più sopra, due dita sotto l’ombelico, si trova lo Svadistana, connesso con le ghiandole surrenali. Due dita sotto lo sterno si trova il Manipura, connesso con il pancreas e le funzioni digestive. All’altezza del cuore si trova lo Anahata, connesso col timo. Vishuddi è il Chackra della gola, connesso con tiroidi e paratiroidi. Tra le sopracciglia si trova l’Ajna, il Terzo Occhio, connesso, insieme al Chakra successivo, quello della Corona, il Sahasrara, alla ghiandola Pineale o Epifisi e anche all’Ipofisi o Pituitaria.

Le ghiandole endocrine non sono troppo ben conosciute da medicina e biologia, in comparazione ad altri organi e le loro funzioni non sono ancora così ben comprese.

I collegamenti tra esse e il corpo energetico sono misteriosi, ma quello che a noi interessa, non è una comprensione mentale, bensì al di fuori della mente, nel “sentire” con il sistema corpo-energia-spirito.

La meditazione Bhairovì mette in circolo in questo sistema energie potenti e permette di viverle e prenderne coscienza, modificando lo stato di coscienza, proiettando tutto al di fuori della mente che tiene imprigionato il nostro sentire, di fatto in una perenne situazione di incoscienza.

Questa meditazione fa parte di un cammino molto più ampio e aritcolato che può portare ogni individuo a prendere coscienza che ogni cosa, qualsiasi entità spirituale o biologica, qualsiasi evento non è che una manifestazione della stessa energia, presente infinitamente in tutto l’universo, inclusi i nostri corpi e il nostro essere.

Questa presa di coscienza porta alla comprensione che la dualità è un’illusione e la Coscienza Buddica è la libertà assoluta che sa come “Tutto sia Uno” che si manifesta nella indicìbile e incredibile creatività dell’Universo.

L’individuo illuminato non esce dall’universo, bensì può penetrarlo ad ogni livello, per tutta l’eternità, nella piena coscienza di essere anch’esso nient’altro che Energia.

Tutto è Energia.

In Sanscrito: Sakthye Sathiam.

Perché da Arkè

Poiché, come spiegato più sotto, si tratta di un centro si movimento, cultura, danza, attento alle tradizioni e all’energia. Un centro aperto all’innovazione e al tempo stesso alle voci ancestrali.

Chi è Mauro Vishva Towé Villone

Mauro Vishva Towé Villone

E’ nato a Torino, ma è nomade nel Dna e discende da due stirpi di avventurieri. Il trisnonno emigrò dal Piemonte all’Argentina a metà dell’800. Il nonno materno e la mamma nacquero in Argentina, mentre il padre nacque in Puglia, ma crebbe in Africa.

Ha studiato scienze della terra, ma si è occupato poi per molti anni di pubblicità e poi fotoreportage sociale e di viaggio. Ha viaggiato in Europa, India, Cina, Cambogia, Kenya, Nigeria, Turchia, Marocco, Egitto, Argentina, Perù, Messico, Brasile e altri paesi, realizzando numerosi reportage presentati in testate nazionali e mostre in Italia, Cina, Russia e Brasile.

Fin da bambino è stato coinvolto dalla ricerca spirituale tra religioni, meditazione, sciamanesimo.

Dal 2006 vive in viaggio e tra Italia e Brasile, dove ha approfondito la ricerca tra curanderos, centri espirita, Umbanda, Candomblé, ma soprattutto tribù indigene di Acre, Amazzonia, Perù e Pernambuco.

Collabora con sciamani e curanderos della tribù Fulni-ô del Pernambuco, partecipando e tenendo cerimonie, ruote di cura, sessioni di cura privata. È Guardiano Huni Kuin (tribù di Acre/Amazzonia) per cerimonie Ayahuasca, alla quale fu iniziato nel 2014 da sciamani Huni Kuin. È guardiano della Foresta dell’Aldeia Akasha, centro tribale e culturale di Itaipava, stato di Rio de Janeiro.

Sempre in Brasile ha approfondito il tamburo e il canto sciamanico da un maestro d’eccezione, Carlos Sauer, sciamano, medium e curandero, che ha vissuto per 40 anni con una tribù Cheyenne, adottato da Nelson Turtle, anziano sciamano che divenne uno dei suoi padri spirituali. Carlos fu anche allievo a Esalen, in California, dell’antropologo-sciamano Michael Harner, grande amico di Carlos Castaneda.

In Brasile ha altresì iniziato un intensissimo percorso esperienziale di Respirazione, Meditazioni Dinamiche, risveglio della Kundalini con il maestro illuminato Atma Nambi del Tamil Nadu, India sudorientale. Qui si trovano l’Ashram e la scuola di Atma Nambi, Upanisha Ananda Mandir, di cui Vishva Towé è diventato Teacher accreditato.

Negli ultimi anni ha sviluppato un suo metodo sincretistico di introduzione a Respirazione/Meditazione che utilizza il ritmo del tamburo sciamanico, intrecciando sciamanesimo e cultura vedica, di cui i suoi maestri Carlos e Atma Nambi sono a conoscenza.

Organizza cerimonie, corsi, workshop, ritiri spirituali, seminari, webinar, viaggi di ricerca in Italia, India e Brasile.

Ha scritto i libri “Il Mistero della Libertà” per Prinp Editore di Torino e “Il Punto di Vista non è un Piano Bar” per Edizioni Spazio Interiore di Roma.

Ispira e dirige inoltre la Para Ti Ong a Rio de Janeiro, da 35 anni impegnata nell’assistenza e nel recupero di centinaia di bambini di comunità poverissime.

Mauro Vishva Towé Villone

Rua Coronel Ribeiro Gomes, 350

São Conrado, Rio de Janeiro

Whatsapp 00393487299033

mauro.villone@libero.it

mauro7

Vishva significa Universo ed è Il nome iniziatico conferito dal Maestro Atma Nambi in una cerimonia a Buzios, Brasile

Chi è Arké

arke (2)

www.arkedanza.it

L’ispiratrice di Arké è Matilde Demarchi

Attraverso ricerca ed aggiornamento continuo a livello internazionale, con il coraggio e la creatività italiane possiamo entusiasmare le persone, creando esperienze di movimento straordinariamente efficaci, sicure e divertenti, promuovendo la salute, il benessere e la felicità di tutte le persone che condivideranno le nostre attività.

Vogliamo essere un punto di riferimento di eccellenza per la cultura, l’arte del movimento e lo sport, un centro innovativo che aiuta le persone di ogni età a raggiungere una migliore qualità della vita attraverso l’attività fisica e la danza.

La Storia

Arkè, dal greco antico “principio, origine”, inteso come ricerca delle radici dell’arte del movimento e della danza.

Questa la scintilla che ha acceso il fuoco di Arké, nata nel 1981 da una visione creativa di Matilde Demarchi e divenuta con il passare del tempo un punto di riferimento a livello nazionale ed internazionale per un modo nuovo di interpretare l’attività fisica e la danza di qualità nel rispetto della sacralità del corpo, l’unica casa in cui abiteremo per tutta la vita

Arkè nasce come progetto nell’ambito della danza, come ricerca e sperimentazione di nuove cifre coreutiche e metodologie didattiche.

Arkè asd​ – Associazione per la Divulgazione della Danza e Arte del Movimento –
C.so Casale, 137 – 10132 Torino – Tel 011 8193618
info@arkedanza.it

Costo iscrizione e orario

Durata 2 ore. 19.30-21.30

28€

CHI SONO IO? – SEMINARIO TORINO 14-15 MAGGIO 2022

20201229_211430

SEMINARIO TORINO 14-15 MAGGIO 2022

con Mauro Vishva Towé e Lidia Sangeeta Kleklé

Tema del Seminario è “Chi sono Io?”. Tema focale e centrale di tutta la nostra filosofia e ricerca, connessa con quella del Maestro Atma Nambi e degli sciamani di Nord e Sudamerica.

Perché avvicinarsi oggi allo sciamanesimo?

Perché si tratta di un insieme di pratiche, di saggezza e di conoscenze ancestrali antichissime che possono aiutare enormemente le persone comuni di oggi.

In passato lo sciamanesimo era praticato e guidato da quelli che oggi chiamiamo, a seconda dei luoghi e delle culture, sciamano, pajé, medicine-man, curandero o con altri appellativi, nelle culture tribali. Ma tutta la tribù partecipava a pratiche e cerimonie. Avviene ancora oggi nelle culture native sopravvissute.

La ricerca spirituale occidentale di oggi ha riacceso da alcuni decenni l’interesse per queste pratiche.

Fondamentalmente questo tipo di visione della vita porta alla connessione profonda con il proprio sé, che a sua volta è profondamente connesso con la natura e il Sé transpersonale di tutto l’universo.

Attraverso questo tipo di coscienza e muovendosi per istinto e intuizione tra i simboli naturali, come piante, erbe, animali, suoni, elementi, lo sciamano può agire sia sulla realtà spirituale che su quella materiale, permettendo di ottenere risultati concreti.

Questi risultati concreti possono essere della natura più diversa.

La nostra ricerca personale ci porta a cercare, oltre la sopravvivenza e il benessere materiale, benessere psicofisico, pace, serenità, buone relazioni, espansione della consapevolezza, conoscenza.

Come è avvenuto e sta avvenendo con le pratiche orientali e l’esoterismo europeo, oggi ci troviamo di fronte a una apertura di queste conoscenze, che diventano disponibili a persone comuni, in modo che possano trarne beneficio per se stesse e per la comunità.

E’ una necessità sempre più pressante, poiché l’intera umanità si sta trovando progressivamente sempre più chiamata a rispondere agli interrogativi spirituali dell’esistenza. Fondamentalmente alla domanda “Chi sono io?”.

Lo sciamanesimo, grazie agli strumenti che può dare per ritrovare un contatto con le profondità, può aiutare a trovare risposte che non si trovano certo nel razionale e nell’intelletto, bensì nel sentire corporeo. Non saprei come esprimere meglio tale concetto.

In sostanza stare nella natura, parlare con le piante, ingerirle, contemplare il fuoco, bagnarsi nell’acqua, suonare il tamburo, danzare, muoversi nelle foreste e nelle dune, stare nel silenzio, tutto questo con la consapevolezza di essere nient’altro che una emanazione di quella stessa natura e non qualcosa di staccato, permette di trovare un senso inesplicabile di appagamento e completezza.

E’ sicuramente semplicissimo sul piano sia concettuale che pratico. La parte difficile è eliminare tutte le macerie che sono state riversate su questo stato primordiale, che è la vera natura dell’Uomo.

Si tratta di macerie solide, liquide, psichiche, gassose, sonore, visive.

Il nostro lavoro, di fatto, consiste nel rimuoverle, per ritrovare nient’altro che ciò che siamo sempre stati: Entità Sacre e Divine in un Cammino Eterno.

Mauro Vishva Towé Villone

Il Metodo

Noi operiamo con un nostro metodo, basato sul sincretismo tra meditazione tantrica e vedica, sciamanesimo e utilizzo di tamburo sciamanico e respirazione Pranayama. Proponiamo meditazioni dinamiche molto potenti, che permettono di superare la barriera dell’ego e accedere al sistema limbico, arrivando molto in profondità nel nostro subconscio.

Obbiettivi

Obbiettivo degli incontri è trascendere la barriera della mente, per riuscire a entrare nelle camere del Re e della Regina. Le camere segrete dove è custodita la vera mitica essenza di noi stessi e della nostra vita.

GLI INCONTRI

Vivencias. Intraducibile dal portoghese. Si potrebbe tentare con “esperienze” o “vissuti”, ma Vivencias rende l’idea in maniera specifica, intraducibile in italiano.

Una grande attenzione sarà posta sulla Cura di Gruppo, estremamente profonda ed efficace.

Sabato 10.00-13.00

Discussione – Introduzione alla concezione sciamanica e vedica della vita. Eternità, reincarnazione, potere personale, importanza del gruppo.

Pratica – Il Bastone della Parola. Respirazione circolare e tamburo sciamanico. Canti sciamanici. Il cerchio di cura. Le relazioni, l’abbraccio.

Sabato 15.00-18.00

Discussione – Gli strumenti dello Sciamanesimo. Oggetti di potere. Gli elementi, piume, rocce, cristalli, legni, bastoni, semi, artigianato. Pipe, ventagli, tamburo, maracas, amuleti. Gli strumenti odierni dello sciamanesimo urbano. L’utilizzo degli strumenti per la cura.

Pratica – Sessione di Cura nativa. Autocura.

Domenica 10.00-13.00

Discussione – Le ricerche di Michael Harner. Il viaggio sciamanico. L’azione del tamburo sulle onde cerebrali. La modificazione degli stati di coscienza. L’uscita dalla mente. La gestione dell’ego. Il Potere Personale. Animali di Potere e Spiriti Guida.

Pratica – Il viaggio sciamanico col tamburo e i sonagli. Canti sciamanici.

Domenica 15.00-18.00

Discussione – L’energia cosmica. Prana, Orgon, Kundalini-Shakti. L’attivazione dell’energia. La risalita dell’energia lungo la Sushumna attraverso i chackras.

La danza, l’espressione corporea. Sentire nel corpo.

Pratica – La potente meditazione dinamica Bhairovì di Atma Namba.

Chiusura del Seminario.

Costo iscrizione

130,00€ entro 31 marzo
140,00€ entro 15 aprile
150,00€ entro 30 aprile
160,00€ dopo 30 aprile
Da versare sull’Iban sottostante

ASSOCIAZIONE GENTE DELLA CITTA’ NUOVA

BANCA BPER – AG.TORINO

IBAN: IT13Y0538701007000042188633

Dove sarà.

Comunicheremo location all’ultimo ai partecipanti. Non saranno richiesti pass ovviamente.

La zona sarà comunque Borgo Po a Torino, davanti al nostro amato corso d’acqua, immerso nel verde. Parte all’aperto, parte in licali chiusi.

Negli intervalli di pranzo ci organizzeremo con ognuno che porta qualcosa e lo condivide.

Il sabato sera si potrebbe cenare insieme in uno dei locali vicini.

Info

Whatsapp 00393487299033

Sessioni individuali

A richiesta a offerta libera. Sempre in zona Borgo Po, Madonna del Pilone. Della durata di circa 1 ora.

Dialogo, fumigazioni, massaggio spirituale, terapia vibrazionale con sonagli, tamburi, canti.

Sciamanesimo, Energia, Respiro

iolidia

Sciamanesimo, Energia, Respiro

Continuiamo con il nostro percorso dove condividiamo e trasmettiamo lampi di coscienza e attivazioni energetiche con l’unico scopo di mettere in moto la poderosa energia presente ovunque e in ognuno di noi.

Il punto è che le cose stanno in una maniera completamente diversa da come la maggioranza si ostina a credere.

Tutto quello che si vive quotidianamente, il lavoro, il governo, le restrizioni, le proteste, la politica, il business, lo spettacolo e via dicendo. Ovvero perlopiù tutto quanto è massificato, spettacolarizzato, consumato, venduto, in realtà non conta assolutamente niente ai fini della nostra vita.

La realtà è enormemente più complessa, profonda e soprattutto totalmente irrazionale in confronto a ciò che fanno credere da 2.000 anni.

Le vicende in corso sono il colpo di coda di questa finzione colossale. Quello che sta accadendo costringerà moltissimi a dover riflettere e abbandonare le loro ridicole credenze e, soprattutto, i loro giocattoli, come auto, armi, droghe, cibo, e distrazioni di ogni genere.

Sempre più gente, volente o nolente, dovrà rendersi conto che la realtà vera è solo ed esclusivamente una complessa e gigantesca trasformazione di energia, che investe anche gli esseri umani nel corpo fisico, energetico e spirituale.
Tutto il resto non è che una perdita di tempo che serve solo a mantenere imprigionate innumerevoli coscienze in quella che gli antichi Veda chiamano la Ruota del Samsara.

Chi vuole uscirne, per passare a stadi successivi, non ha altra scelta che attivare la poderosa e inaudita potenza della Divina energia sacra e femminile che i Veda chiamano Kundalini-Shakti.

Non dipende da date, corsi, fortuna, mente. Dipende solo ed esclusivamente dalla volontà, dall’amore, dalla fede di ogni individuo.

Come applicare Volontà, Amore e Fede.

  1. Con la Devozione
  2. Con l’Affidarsi
  3. Attivando il respiro e altre pratiche che agiscano su corpo, mente e spirito per mettere in circolo l’energia
  4. Utilizzando vibrazioni come quelle di tamburi, sonagli, canti e mantra
  5. Sviluppando la coscienza sulla propria vera natura di esseri di energia, dotati di vortici e canali di energia e pervasi di una energia cosmica immensa e poderosa, la Kundalini-Shakti
  6. Mettere questa energia in condizioni di collegare i diversi centri energetici, i chackras e tutto il sistema mente-corpo-spirito con la Terra e il Cielo. Ovvero creare e affondare radici nella Terra e nel Cielo.

In pratica

In pratica significa fare delle cose che realizzino questa circolazione di energia. Occorre ovviamente una pratica assidua, continuativa e prolungata nel tempo.

La pratica si effettua sia in solitudine che in gruppo.

La nostra proposta di 8 incontri online serve a creare un punto di riferimento per tutti noi, come ce ne possono essere altri, per praticare insieme e approfondire conoscenze e concetti.

Gli incontri sono il Lunedì e il Giovedì alle 20.00 online e durano circa 1 ora e 15 minuti, ma sono elastici.

Gli incontri

  1. Cos’è lo sciamanesimo. La filosofia indigena. Il rapporto che gli indigeni hanno con foreste, savane, deserti, montagne, corsi d’acqua. La poesia della Foresta. La sacralità della vita. Respirazione caotica. Meditazione “Chi sono io”.
  1. L’attivazione della Kundalini-Shakti. Sessione di 1 ora di Meditazione dinamica Bhairava.
  2. Gli strumenti dello sciamanesimo. Il Bastone della parola, il tamburo, i sonagli, gli amuleti, le erbe.n Viaggio sciamanico di 20 minuti con tamburo a 180 battiti al minuto e sonaglio.
  3. L’importanza del rapporto Maestro-Discepolo. La trasmissione dell’energia. Sessione di Meditazione Bhairava di 1 ora.
  4. Suoni, canti e vibrazioni. Risonanza. Sessione di Meditazione “Trivini” di 1 ora
  5. Lo Stare e il Silenzio. Sessione di Meditazione Dinamica Bhairava di 1 ora.
  6. I Chackras, i loro suoni e i loro colori. Meditazione sui Chackras. Cos’è la Sankalpa. Presa di coscienza e visualizzazione dei desideri. Respirazione caotica e visualizzazione del proprio Futuro a breve, medio e lungo termine.
  7. l simbolo del serpente come compare in numerose tradizioni. Sessione di Meditazione Dinamica Bhairava di 1 ora.

Inizio incontri Lunedì 7 marzo.

Costo iscrizione 80€

Info Wapp 00393487299033

Iscrizioni con deposito sul conto BPER

ASSOCIAZIONE GENTE DELLA CITTA’ NUOVA

CAUSALE: CORSO MEDITAZIONE

IBAN: IT13Y0538701007000042188633

Inviare al Wapp la ricevuta per ricevere indirizzo Zoom.

Spiritual Experience Rio de Janeiro 2021

Spiritual Experience

Rio de Janeiro 2021

16 giorni e 15 notti
con Vishwa Towé e Sangeeta Kleklé

Sarà un’esperienza profonda e intensa, impegnativa, ma rilassante, che porterà a una accurata pulizia fisica e spirituale e a una rigenerazione totale.

Un vero e proprio ritiro spirituale, nel quale abbiamo comunque previsto momenti di svago sia in gruppo che autonomi, sapendo che il semplice divertimento fa parte della cura fisica e psicospirituale.

Intendiamo impegnarci a fondo in questi 16 giorni di ritiro con i nostri amici e chiediamo che essi facciano altrettanto.

134037583_10222381248594320_1119777330373962071_o

Le nostre cure

La meditazione e la respirazione

Il dialogo

Canti e suoni

Tamburo e canto sciamanico

Erbe e piante di potere

Rilassamento e abbandono

L’osservazione e la gratitudine

Il volontariato e le relazioni

La connessione

Il cibo

Ph: lidiaurani
Ph: lidiaurani

Cure personali specifiche (realizzabili a richiesta e non incluse nell’offerta)

Pajelanças (cura nativa)

Massaggio fisico

Reiki sciamanico

Massaggio spirituale

Incontro con Paes e Maes dos santos dell’Umbanda

Terapia verbale con Vishwa e/o Sangeeta

indio, rio de janeiro

La pratica

Tutto questo attraverso le “Vivencias” quotidiane. Esperienze di vita per entrare in contatto profondo con l’essenza dell’esistenza. Un programma di lavoro quotidiano intenso e impegnativo, ma rilassato, seguito con estrema attenzione da Vishwa Towé e Sangeeta Kleklé.

Ph. @mvillone - Gitana in Trance danzando intorno al Fuoco. Santa Cruz, Brasile
Ph. @mvillone – Gitana in Trance danzando intorno al Fuoco. Santa Cruz, Brasile

Obbiettivi finali

Il recupero dell’anima e del potere personale

La riconnessione con la natura e il se profondo

La fiducia in se stessi e la produzione di pensieri positivi

La connessione con il gruppo

L’innalzamento stabile del livello energetico psicofisico e spirituale di ognuno e del gruppo

afro1

VIVÉNCIAS

Non c’è una traduzione letterale di questa parola portoghese. Quella che si avvicina di più è “esperienza”, ma secondo me non trasmette correttamente l’idea, il significato di “vivéncia”, che ritengo più profondo di esperienza. Quindi userò la parola portoghese.

Chi viene da noi per periodi di 16 giorni o più verrà guidato a fare diverse Vivéncias.

Qui di seguito alcune.

In 16 giorni, calcolando 2 giorni liberi e 1 giorno per l’arrivo e 1 giorno per la partenza, ci saranno 12 Vivencias che sceglieremo noi in base al tipo di energia del gruppo.

VIVÉNCIA 1. Giornata nella foresta, meditazione tra le piante della foresta Atlantica, escursione, bagno di cascata, raccolta di rami e cristalli per realizzare la propria bacchetta magica e il proprio bastone della parola. Pasto in ristorante tipico nella foresta, verso primo pomeriggio.

VIVÉNCIA 2. La Via delle Maschere. Realizzazione di maschere sul proprio volto, quali rappresentazioni di subpersonalità, ombre, aspetti del Sé. Danza mascherati serale intorno al fuoco con canto libero e tamburo. Pasto in sede a metà giornata, spuntino serale in sede.

VIVÉNCIA 3. Il Viaggio Sciamanico. Giornata dedicata allo Sciamanismo. Gli strumenti dello sciamanismo. La modificazione dello stato di coscienza, la ricerca dell’animale di potere e dello Spirito guida. Pasto principale in sede. Spuntino serale in sede.

VIVÉNCIA 4. L’impegno sociale come cammino per la liberazione dall’ego. Giornata con i bambini della Ong Para Ti. Giochi, musica, preparazione del cibo. Si mangerà insieme ai bambini nella Ong. Altro spuntino fuori sede in bouteco tipico.

VIVÉNCIA 5. Escursione in barca in laguna, alla scoperta dell’isola di Gigoya. Incontri con coccodrilli, capibara, uccelli. Giro dell’isola e pasto in loco. Spuntino serale in sede.

VIVÉNCIA 6. Le Meditazioni dinamiche di Atma Nambi. Mattinata dedicata alla respirazione. Meditazione dinamica Bhairova. In serata Meditazione dinamica Bhairovì, con extatic dance, danza sufi. Pasto principale in sede e spuntino serale in sede.

VIVÉNCIA 7. Il cammino del fuoco. La simbologia del fuoco presso i nativi. La ruota intorno al fuoco. Le quattro direzioni. Canti e tamburi. Il cerchio che cura, prendersi cura uno dell’altro in gruppo. Pasto e spuntino in sede.

VIVÉNCIA 8. La Cura Nativa. Cura con erbe, canti e sonagli. La pipa sacra, il rapé, gli amuleti, la preghiera. Pasto e spuntino in sede.

VIVÉNCIA 9. Il mondo urbano metropolitano. Quartieri popolari e culturali di Rio. Le favelas come stile di vita e laboratori creativi, dove la povertà si trasforma in ricchezza del cuore. Pranzo o cena in bouteco tipico della città. Spuntino a base di succhi di frutta in bouteco tipico.

VIVÉNCIA 10. Le scuole di Samba e il Carnevale. I locali del Samba, le feste. La danza e la musica come terapia sociali e di gruppo. Vagare senza meta tra un bouteco e l’altro, tra musicisti di strada e gente appassionata. Spuntino in bouteco tipico e cena in locale di Samba.

VIVÉNCIA 11. Meditazione profonda. Terapia verbale. Gli strumenti sciamanici come mezzi per la liberazione di emozioni. La trasformazione dell’energia. Serata di Deeksha, donazione di energia. Pasto in sede e spuntino serale in sede.

VIVÉNCIA 12. Gli archetipi dell’Umbanda e del Candomblé. Gli Orixa, le entità afrobrasiliane come rappresentazioni delle energie profonde. I passi di danza Samba legati agli Orixa. Muoversi nel proprio inconscio. Pranzo tipico in bouteco di favela. Spuntino serale in sede.

VIVÉNCIA 13. Pitture corporali sacre indigene e Diademi di piume come celebrazioni del proprio corpo e della propria anima. La valorizzazione del Sé, la liberazione dall’ego. Pranzo in sede e spuntino serale in sede.

VIVÉNCIA 14. Spiagge selvagge. Escursioni nel fitto della foresta da 1 a 3 ore per raggiungere spiagge oceaniche totalmente selvagge, dove connettersi profondamente con la natura, meditare, ripulirsi a fondo energeticamente. Pranzo al sacco e cena serale in bouteco tipico sulla strada del ritorno.

VIVÉNCIA 15. Cerimonia intorno al Fuoco per la connessione con gli Antenati e gli Ancestrali. Il perdono, il distacco, l’amore incondizionato, il rispetto. La propria missione. Pranzo in boteco tipico e spuntino serale in sede.

rituale Fulni-o a Rio de Janeiro

Il cibo

Tipicamente brasiliano, ma vegetariano. Possiamo sperimentare pesce e frutti di mare e talvolta, chi volesse, anche carne (fuori dalla nostra sede), che noi evitiamo.

I pasti saranno in sede e in ristoranti popolari tipici, chiamati botecos. Una o due volte in ristoranti di charme, inclusi nella nostra proposta.

Nei 12 giorni delle Vivencias si farà colazione perlopiù in sede e talvolta in favela o in spiaggia. Le colazioni vegetariane in sede prevedono frutta, pane tostato o tapioca con burro e miele o marmellata, formaggio, succhi, tè e caffè brasiliano, semi, uova, muesli. Possibilità di senza glutine.

Le colazioni in spiaggia o in favela sono più semplici, tipicamente brasiliane popolari, e prevedono pane con formaggio, caffè, biscotti, pao de quejo (palline di pane con formaggio tipiche brasiliane), torta, ciambelle.

Oltre alle colazioni, per non appesantirsi troppo sono previsti un pasto principale e uno spuntino più leggero. Il pasto principale può essere quello di metà giornata, in orario variabile dalle 12 alle 15, o talvolta serale in orario variabile dalle 18 alle 20. L’altro spuntino più leggero può essere al sacco (preparato da noi) se si è in escursione oppure in uno dei tipici botecos brasiliani, in città o in favela o in foresta. Qui le possibilità sono diverse e prevedono pao de quejo, pasteis (saccottini fritti con formaggio o gamberi), succhi di frutta, acqua di cocco, açaì (tipico gelato brasiliano fatto con acqua filtrata, e polvere ottenuta da un seme triturato di una palma tropicale, mischiato a sciroppo e talvolta a banana o fragola), toast, empadas (tortine con formaggio o gamberi).

Nei pasti principali le possibilità tipiche sono riso e fagioli, insalate, caponate o ratatouille, formaggi, spaghetti, pasta corta, risotti, patate fritte, verdure alla piastra, quiche, frutta, pane, caprese, pizza, strudel, insalata greca, uova, omelette, pesce fritto, gamberi, calamari.

IMG_0296

Calendario

1° giorno – Pick-up aeroporto. Arrivo. Drink di benvenuto, sistemazione e socializzazione e apertura del Cerchio.

Dal 2° al 6° giorno, dall’8° al 12°giorno, 14° e 15° giorno le Vivencias pianificate. Colazione in sede alcune mattine e altre volte in favela o in spiaggia. Oltre alla colazione prevediamo un pasto principale al giorno più uno spuntino, per non appesantirsi troppo, in base alle esigenze alternati a pranzo o cena. La maggior parte delle vivencias richiedono tutto il giorno, mentre alcune saranno mattutine e quindi ci saranno dei pomeriggi liberi, mentre altre saranno pomeridiane-serali e prevedono mattinate libere. Le mattinate e i pomeriggi liberi possono essere impiegati in spiaggia o per brevi escursioni personali.

Il 7° e il 13° giorno saranno totalmente liberi e potranno essere impiegati in escursioni autonome per cui potremo suggerire mete di particolare interesse.

16° giorno – Cerchio di arrivederci, abbracci e dialogo sull’esperienza vissuta, saluti, drop-off in aeroporto.

IMG_4728

Estensioni

In seguito alla Spiritual Experience si può estendere la permanenza per un periodo a piacere da alcuni giorni a diverse settimane o mesi. In tal caso le opzioni sono due.

Affitto della camera, con o senza colazioni e pasti inclusi e gestione del tempo in autonomia.

Affitto della camera e organizzazione di escursioni personalizzate per coppie o piccoli gruppi. Più organizzazione di attività spirituali e/o di cura personale.

DSC_3612

Sistemazioni. Due opzioni

Camere con bagno molto rustiche, ma di charme con deck in legno, molto fresche, con letto matrimoniale, alcune a due letti, zanzariere e alcune amache esterne, televisione e aria condizionata abbiamo scelto di escluderle, dotate di ventilatore.

Camere in Casa Urani, con bagno, più confortevoli e all’interno di casa-museo con ampia collezione di innumerevoli reperti della cultura e dell’artigianato brasilero. Con un costo differenziato.

Mettiamo inoltre a disposizione ampi spazi comuni, come giardino con amache, terrazze, foresta, lounge, cucinotti comuni.

IMG_0585

Altre attività

Escursioni ecologiche in montagne e foreste tropicali

Deltaplano e parapendio

Escursioni in bicicletta lungo la costa e le lagune

Cristo del Corcovado

Pan di Zucchero

Quartieri e angoli storici di Rio

Locali del Samba e quartieri della movida

Centri di candomblé

Centri Espirita

Danze Gitane

Escursioni gastronomiche

Spiagge selvagge

Escursioni in barca alle isole

Musei storici, artistici e tematici

LAPA RODADESAMBA

I dintorni

Taxi a 200 metri

Favela a 40 metri

Bus a 350 metri

Negozi, mercati e farmacia tra 100 e 300 metri

Spiaggia a 400 metri

Stand sulla spiaggia

Centro commerciale a 800 metri

Favela Rocinha a 1 km

Barra da Tijuca a 2 km

Leblon e Ipanema a 3 km

burst

Costi

Costo forfettario dell’intera esperienza di 16 giorni. € 2.950,00

Costo forfettario dell’intera esperienza di 16 giorni, con pernottamento in una delle due camere in Casa Urani. € 3.650,00.

Include

Pick-up e drop-off aeroporto.

Tutti i trasporti durante le Vivencias.

Sistemazione in camere doppie con bagno condivise con altra persona, alcune camere condivise tra 3 o 4 persone, con uno sconto. Del 10% in camera da 3 e 15% in camera da 4.

Colazione, pasto principale e spuntino, sia in sede che fuori sede, nei giorni delle Vivencias. Escluse bevande alcoliche, che sono vivamente sconsigliate nel periodo di lavoro spirituale.

Tutte le 12 Vivencias previste.

Il continuo sostegno psicospirituale.

Non sono inclusi.

Escursioni autonome, trasporti e pasti durante le escursioni autonome.

Bevande alcoliche o extra. Eventuali pasti extra.

Le cure personali.

Non è consentito aderire a solo parte dell’esperienza. Il nostro obbiettivo è la realizzazione di un’esperienza di gruppo profonda della durata di 16 giorni. Successivamente o in altri periodi, con altri costi, è possibile accedere a permanenze, escursioni ed esperienze con costi a parte.

Rituale Fulni-o nella nostra sede a Rio de Janeiro
Rituale Fulni-o nella nostra sede a Rio de Janeiro

Costi camere, pasti e escursioni

Pernottamento 40€ la camera doppia

Pernottamento + colazione 55€ la camera doppia

Pernottamento doppia uso singola 30€

Pernottamento doppia uso singola + colazione 40€

Pernottamento in villa 120€ la camera doppia, inclusa colazione.

Escursioni da 3 a 6 ore a partire da 70€ a persona, minimo due persone. Scala sconti da 3 persone in su.

Pasti, in sede da 20 a 50 € a persona. Pasti fuori sede in locali tipici carioca, da valutare di volta in volta in relazione alla scelta.

Costi singole Vivencias

Da 120 a 170€

Costi cure personali

Da 50 a 150€

Pagamenti

Per la Spiritual Experience possono essere effettuati con versamento anticipato al 50% su conto corrente in Italia. Fino a 40 giorni prima della data di inizio. Prenotazioni successive a questa data prevedono una maggiorazione del 20% su tutto l’importo.

Gli altri pagamenti in loco in contante o carta di credito o anche con bonifico in Italia. Con carta di credito viene applicata una maggiorazione del 5%.

lidia6

Info: mauro.villone@libero.it

Wapp: 00393487299033

 

Sincretismo personale

iolidia

Il fenomeno del sincretismo è sempre esistito. In poche parole si tratta della reciproca influenza e mescolanza di tradizioni religiose e spirituali di diversa provenienza. Avviene naturalmente, tra grandi religioni come tra sistemi spirituali di piccole tribù indigene.

Avviene anche nei singoli individui, i quali, consciamente o inconsciamente, acquisiscono elementi spirituali di diversa provenienza e li fondono in un proprio credo o sistema spirituale personale, ma che può anche interessare diversi individui, fino a gruppi più o meno grandi.

Negli ultimi decenni di storia il fenomeno si è manifestato con particolare intensità. Non è necessariamente un fenomeno negativo né positivo, semplicemente avviene. Ne sono stato interessato anch’io, così come molti miei amici e compagni di ricerca spirituale.

Ho trascorso gli ultimi 12 anni della mia vita perlopiù in Brasile, ma anche viaggiando in altri paesi, come l’India e, precedentemente, in Cina e diversi paesi africani, in Europa, Mediterraneo ed Estremo Oriente. Ovunque andassi mi sono sempre avvicinato con interesse, oltre che agli aspetti culturali, a quelli spirituali.

Negli ultimi cinque anni in Brasile ho approfondito moltissimo, sul campo, sistemi spirituali come lo sciamanismo. Ma soprattutto, a differenza di quanto generalmente accade nel sistema di vita occidentale, ho avuto la possibilità di sperimentare la spiritualità in maniera profonda, forte ed energica. Questo è avvenuto quotidianamente, per diversi anni, con estrema intensità. Ho sperimentato stati di coscienza profondamente modificati ed esperienze estatiche di diversa natura, molto intense.

Per una serie di ragioni ho avuto anche modo di approfondire moltissimo la meditazione legata all’induismo e conoscere diverse altre scuole spirituali, come il Candomblè, l’Umbanda, lo Spiritismo, il Kardecismo, il Cattolicesimo della Libertazione, il Tao e scoprire inoltre che molte pratiche, per così dire secolari, hanno un risvolto fortemente spirituale. Tra queste il Samba, il Carnevale, la solidarietà umana e il volontariato. Per estensione, oltre una certa soglia di coscienza, si potrebbe dire che qualsiasi tipo di attività presenta un risvolto spirituale, persino guidare un mezzo o fare soldi. Ma per non andare, per ora, troppo fuori dal seminato, aggiungo che anche la cura fisica ed emozionale sono legate alla spiritualità, così come lo stare in mezzo alla natura con la coscienza allerta, come per esempio con il grounding e l’abbraccio delle piante. È ben noto a molti come gli ultimi venti anni abbiano visto uno sviluppo gigantesco di tutte quelle attività legate alla spiritualità, allo sviluppo della coscienza, alla cura e alla qualità della vita che vanno comunemente sotto il nome di olismo.

Tornando al mio sincretismo personale ho deciso di dedicarmi a trasmettere ad altre persone non certo insegnamenti, ma energia ed emozioni scaturite da esperienze personali, vissute soprattutto con maestri d’eccezione che ho avuto la grandissima fortuna di incontrare in Brasile. Soprattutto trasmettere esperienza pratica e metodologie e tecniche concrete per esplorare la coscienza, svilupparla e migliorare sul piano pratico la qualità della propria vita quotidiana. Un vero cambiamento significa vivere meglio e contribuire allo sviluppo di una società migliore, in pratica, e non solo nella teoria e sulla carta.

Tutto questo è diventato possibile grazie all’incontro con persone e interi gruppi davvero straordinari.

Carlos Sauer, brasiliano, ha vissuto più di venti anni con i Cheyenne in Nordamerica, dove ha avuto a che fare anche con diverse altre tribù. Adottato da un anziano sciamano Cheyenne, è diventato sciamano a sua volta. Curandero, medium, spiritualista, esorcista, uno dei maggiori esperti di tenda del sudore in Sudamerica. Mio maestro per i canti e il tamburo sciamanici, la cura e le tradizioni native.

Alberto Frioli, italiano, naturalizzato brasiliano. Un grande esoterista, ricercatore, artista e terapeuta. Vive ad Alto Paraiso. Non posso dire sia mio maestro al momento attuale, ma un grande amico e punto di riferimento fondamentale per quanto riguarda la ricerca esoterica, il Tao Occidentale, le pratiche di ricerca spirituale.

Atma Nambi, indiano. Guru illuminato cresciuto in India con diversi maestri e studiando diverse tradizioni, dall’induismo al buddismo, dal cristianesimo al sufismo. Un grandissimo maestro della nostra era con il quale sto facendo un approfondito e intensissimo percorso spirituale.

João Shaemitum Devulski, brasiliano. Curandero e uno dei primi a portare l’uso dell’Ayahuasca dall’Amazzonia al mondo occidentale. Punto di riferimento per la cura e le cerimonie Ayahuasca.

Laercio Fonseca, brasiliano. Uno dei più forti medium e veggenti al mondo. Astrofisico dell’Università di Curitiba, ufologo, contattista ed esperto di Tao, Kung Fu, Tai Chi, Tchi Kung, cura cinese, spiritualità, spiritismo. Un grandissimo maestro con il quale ho avviato, insieme ad altri amici, un percorso di ricerca molto impegnativo.

Sabino Huni Kuin, Ibã Huni Kuin, Tadeus Huni Kuin. Giovani e meno giovani sciamani Huni Kuin, Kachinawà, dell’Acre, Amazzonia meridionale. Cultori dell’Ayahuasca, degli Ikaros, i canti sacri della foresta, e delle piante sacre. Fraterni amici che mi hanno introdotto ai misteri della foresta, dell’Ayahuasca e del mondo degli spiriti secondo gli indigeni amazzonici.

Thifladya, Edù, Tamandoà, Tafkea e altri fratelli Fulni-o. Dedicano la loro vita alla spiritualità e alle tradizioni del loro popolo, alla cura e alle cerimonie. Mi hanno introdotto ai segreti dei canti, delle danze di potere, delle erbe sacre, della sacra Jurema, dell’artigianato sacro, della cura con l’Amore.

A tutti questi si aggiungono innumerevoli amici della famiglia dei Guardiani Huni Kuin della Foresta, di cui faccio parte, tutti gli altri fraelli Huni Kuin e Fulni-o, i fratelli Yawanawà, Krenak e Guarany, tutti gli amici, medium e spiritualisti della Casa dell’Aquila, tutti gli amici del centro Terra Viva e di Laercio Fonseca, tutti i fratelli e gli amici della Ong Para Ti, in particolare André Americo, maestro di percussioni e antropologia del Samba e del candomblé, tutti i fratelli del Sanga del maestro Atma Nambi e del Maha Ashram di Buzios, in particolar modo Abishek-Ji.

Con questa quantità di maestri e ricercatori sono entrato, insieme alla mia compagna Lidia e molti amici, in un cammino incantato straordinario, dove si mescolano armoniosamente viaggi astrali, meditazioni, cerimonie sacre, erbe magiche, visioni cosmiche, canti sacri, mantra, cure d’amore. Soprattutto siamo entrati in possesso di strumenti di potere utili praticamente al miglioramento della nostra vita quotidiana e del mondo che ci aspetta nel futuro.

Gli esseri umani possono essere Angeli o Dei. Creatività, forza, vitalità, doni e talenti nascono, si risvegliano e si sviluppano attraverso uno stato mentale senza conflitti, libero ed equilibrato.

Voglio gioire nel trasmettere tutto questo ad altre persone, specie d’Italia, la mia Terra di Origine.

Aho Metakoye Oyasin

Haux haux

Namasté

Cercatori di Luce

tamburi

Da una dozzina d’anni vivo perlopiù in Brasile, dove ho avuto occasione di avvicinare, approfondire, sperimentare diverse metodologie di ricerca spirituale, sia di matrice brasiliana occidentale che indigena, ma anche indiana. Ho veramente avuto moltissime esperienze, sempre più intense e frequenti. Addirittura la ricerca spirituale è diventata parte del mio lavoro, poiché nella sede della nostra Ong a Rio ospitiamo molte persone, soprattutto provenienti dall’Italia, alla ricerca sul piano spirituale, umano e psicologico e spesso mi sono trovato nei loro confronti nelle vesti di orientatore. Di fatto li aiuto a scegliere quale tipo di esperienza fare piuttosto che un’altra, in relazione a quelle che sono le loro problematiche o la loro ricerca specifica.

Si tratta di un settore estremamente vasto, profondo e delicato, che ha a che fare direttamente con la vita stessa delle persone. Di fatto chi va alla ricerca in questa direzione cerca di trovare il senso della vita stessa o la risposta a interrogativi millenari come “chi siamo”, “dove ci troviamo”, “qual è lo scopo di tutto ciò”. Ci troviamo di fronte a quello che è il tema principale della filosofia e della spiritualità di tutti i tempi, fin dagli albori dell’esistenza dell’uomo sul pianeta.

Il discorso è ovviamente estremamente lungo, complesso e articolato e sono perfettamente consapevole del fatto che qualsiasi considerazione che possa trovare posto su un foglio bianco, nei limiti di un post o un articolo, risulti inevitabilmente riduttiva. Proprio per tale ragione vorrei concentrarmi su un punto in particolare.

Ovvero l’obbiettivo ultimo concreto di questo tipo di fenomeno.

Per compiere l’esplorazione del mondo spirituale il ricercatore si trova di fronte tre metodologie. La prima è lo studio. Studio di tradizioni, mitologie, tecniche, conoscenze, credenze, usanze, costumi. La seconda è quella della speculazione filosofica, la quale può prescindere o meno dallo studio citato in precedenza, il quale però risulta ovviamente di grande e talvolta fondamentale aiuto. La terza è la sperimentazione diretta.

La speculazione filosofica, con o senza aiuto di studio più o meno dotto e approfondito, si avvale della ragione e, spesso, dell’intuito e dell’intuizione. La sperimentazione diretta invece è un campo per gli occidentali tutto sommato ancora sconosciuto, se non altro perché ci si muove in un mondo praticamente infinito.

La sperimentazione diretta di fatto significa muoversi all’interno di stati di coscienza diversi, in continuo cambiamento e modificazione. Questa metodologia in realtà si discosta enormemente dalle due precedenti, per il semplice motivo che meno ha a che fare con la ragione (fondamentale per le due precedenti) meglio è. La sperimentazione diretta della spiritualità, essendo una vivenza di stati di coscienza deve il più possibile prescindere dalla ragione, per potersi permettere il più possibile di abbandonarsi a realtà diverse dall’ordinario. Questa metodologia, se così vogliamo continuare a chiamarla, può discostarsi enormemente dalla ragione, toccando più facilmente la sperimentazione personale non analitica di campi come la psicologia del profondo e i sentimenti.

La ricerca con cui noi abbiamo a che fare in Brasile si ascrive quasi totalmente a questa metodologia. Anzi, probabilmente la vera esplorazione spirituale è questa, essendo le prime due in realtà, pure filosofia, antropologia e storia. La vera esplorazione e ricerca spirituale non è speculazione filosofica, non è analisi, né tantomeno fredda raccolta di dati sul campo da elaborare poi in studio, bensì sperimentazione sulla propria pelle di stati di coscienza, di percezioni di diverse realtà universali, di elementi naturali, archetipi, sensazioni, relazioni.

Risulta addirittura difficile descrivere questo tipo di ricerca poiché parlarne, di fatto, è ricerca stessa. Ci si muove sostanzialmente in un campo talmente vasto e sconosciuto da renderne difficile la stessa dissertazione.

Ci si muove in un campo fatto di domande e pochissime risposte, fatto di sensazioni ed esperienze difficilmente razionalizzabili.

Di fronte a questo tipo di sperimentazione che produce stati modificati di coscienza con diverse tecniche di meditazione, diversi tipi di respirazione, utilizzo di sostanze, induzione di stati limite, la scienza ha tentato diverse volte di creare schemi che potessero spiegare processi mentali, biochimici ed elettrici, ma con risultati tutto sommato risibili al cospetto di esperienze talvolta letteralmente immense. In realtà non c’è niente di più lontano della scienza e della razionalità da questo tipo di esplorazione.

Cosa può dire la scienza di fronte a domande come “Io chi sono?”.

Ci troviamo di fronte a un punto chiave: “Chi siamo?”

Non siamo solo il nostro corpo, e nemmeno la mente. Né la nostra professione o la nostra immagine.

Chi siamo?

E nessuno si affrettati a dare delle risposte poiché ognuna di esse non sarebbe mai quella giusta.

Poiché se risposte ci fossero di sicuro non si troverebbero né nella ragione, né nel cuore, né nella poesia, tantomeno nell’analisi. Probabilmente si troverebbero, in una forma che nemmeno riusciremmo a concepire, in un altrove inimmaginabile. Dove più che risposte ci sono altre domande.

Molto più semplicemente, senza arrivare a queste vette psicospirituali praticamente senza risposta, una domanda lecita da porsi di fronte a tutto questo è: “Perché farlo?”. Ovvero. Si tratta di semplice sperimentazione, la quale potrebbe portare all’illuminazione o anche alla follia? O questa sperimentazione ha finalità pratiche? Tale ricerca, tale viaggio esperienziale dovrebbe forse servire all’essere umano per vivere sostanzialmente meglio?

Probabilmente sì, specie nel mondo inevitabilmente globalizzato di oggi. Sennò ci troveremmo di nuovo in una posizione vicina a quella di chi pratica speculazione filosofica. Un esercizio per la mente da una parte e per lo spirito dall’altra. E basta. Mentre lo sforzo enorme, il rischio psichico, la messa in discussione, la enorme spesa energetica del ricercatore, probabilmente hanno l’anelito di avvicinarsi a grandi sentimenti interpersonali, ma anche immanenti.

Detto in parole povere questo tipo di ricerca spirituale è una ricerca di felicità profonda e duratura, che però non pertiene un unico individuo. Si tratta forse di una ricerca della possibilità di salvezza personale, ma anche collettiva, di creazione di un mondo nuovo, dove si possa assaporare la vera natura della coscienza umana.

Le esperienze di stati modificati di diverso tipo, danno una percezione della realtà che si discosta enormemente dall’ordinario, questo lo sappiamo bene. Dunque la vera vita, come sostengono guru, maestri, mistici e sciamani di diversa provenienza, da millenni, sarebbe completamente diversa da ciò che sembrerebbe essere a un primo superficiale esame. Sappiamo anche questo. Persino la fisica quantistica si è avvicinata a concezioni mistiche, con un mondo fatto di una materia che sembra sempre meno solida e sempre più l’astrazione di una mente immanente ed enormemente complessa. La solidità non esiste. Esistono solo diverse densità di energia. Sakthye Sathian, solo l’energia esiste, come chiamano questo fenomeno i mistici indù.

Ma quello che intendo rilevare in questo scritto è come i ricercatori spirituali avrebbero in ultima analisi non solo un obbiettivo aleatorio di ricerca trascendentale, ma obbiettivi concreti di miglioramento profondo della qualità della vita. Una vita completamente diversa in termini non solo di percezione e di contatto con il divino, ma anche di relazioni interpersonali, di gruppo e una visione completamente diversa del lavoro, dell’abitare, del cibarsi, delle relazioni con l’ambiente naturale, in una parola, del vivere quotidiano.

Effettivamente la mia esperienza personale, relativamente lunga e approfondita, specie in Brasile, ma anche in altri paesi, mi ha portato a contatto con comunità di ricerca spirituale, psichedeliche, trascendentali, mistiche, che hanno come naturale evoluzione quello che proprio in Brasile chiamano “nuovo comunitarismo”. Non si tratta affatto di un vezzo new age dell’ultima ora, bensì di un insieme di progetti estremamente concreto che prevede abitazioni in comunità perlopiù immerse nella natura, ma non solo, inoltre progetti culturali e imprenditoriali, scambi di merci e servizi, attività diverse.

Il mio interesse nel rilevare tale situazione è dovuto al mio forte impegno sia sul fronte spirituale, sia su quello sociale e solidale. Credo che uno sia complementare dell’altro. Laddove venisse a mancare il primo la vita sarebbe, come in effetti è da duemila anni nel mondo occidentale, una festa culturale e del piacere per alcuni e francamente un inferno per altri, ambedue progressivamente sempre più aridi. Mentre il primo senza il secondo risulta invariabilmente mostrarsi una festa dell’ego, anche se vissuta sul piano spirituale, che prima o poi lascia il tempo che trova, e finirebbe per vanificare se stessa.

Il mondo sembrerebbe avere bisogno di leader spirituali capaci di dare luce agli altri, in una situazione che si presenta ogni giorno più difficile. Un vero ricercatore spirituale di oggi non me lo vedo tanto a godersi le sue visioni da solo o con pochi amici, tutto felice della propria illuminazione, nel disprezzo di un mondo al buio, sempre più alla deriva.

Un ricercatore spirituale, visionario, appassionato, profondo, ama senza riserve.

Atma Nambi, un maestro indiano che ho avuto la fortuna e la ventura di incontrare potrebbe essere uno di quelli, a mio modesto modo di vedere, che hanno la missione di dare la direzione a questo tipo di rivoluzione culturale e spirituale in essere.

È capace letteralmente, l’ho visto con i miei occhi, di prendere persone dagli ospedali psichiatrici, dai bassifondi, dalla fine che il sistema aveva inesorabilmente decretato per loro e risvegliarli alla loro Vera Natura: quella di Guerrieri di Luce.

Corso Guru Atma Nambi 26-27 maggio – Torino

received_10214935144429452

CORSO ATMA NAMBI 26-27 MAGGIO

Il programma del corso è indicativo e serve a dare un’idea di massima degli argomenti trattati. Atma Nambi è un uomo di profonda conoscenza ed esperienza. Dunque gli incontri prenderanno la strada che verrà dettata dall’atmosfera e dall’energia del gruppo. Il silenzio e la stessa semplice presenza del Guru trasmetteranno profonda espansione della coscienza.
Ma il punto fondamentale è un altro. Con la filosofia, le tecniche, l’energia trasmesse da Atma Nambi è possibile cominciare a liberarsi realmente dalle catene dell’ego ed essere veramente se stessi.

SABATO 26 MAGGIO 10-17

Break 13-14
AROUND THE CLOCK AWARENESS
RISVEGLIO CONTINUO

ROUND THE CLOCK AWARENESS
Essere centrati spiritualmente non è qualcosa da fare part-time, bensì 24 0re su 24. Ovviamente abbiamo moltissime cose da fare durante il giorno. Come mantenersi continuamente connessi e consapevoli? Molto semplice. Non è importante cosa fai, bensì come lo fai. Qualsiasi attività quotidiana, dal fare il bagno a mangiare, dal camminare all’ascoltare, possono diventare attività di puro risveglio. Cosa rende impura una qualsiasi attività? Semplicemente interferenze di pensieri ed emozioni negative. Possiamo ripulire le nostre attività quotidiane da ogni interferenza. Possiamo imparare ad accumulare energia anziché disperderla con qualsiasi azione. Durante il corso impareremo anche come iniziare e concludere la giornata. Impareremo come risparmiare un sacco di tempo con un approccio consapevole alla vita.

Attivazione del chakra della gola. Il 5 chakra. Permette di vivere comunicando meglio e senza paura. Protezione energetica e spirituale.

Benedizione del 3 occhio. Maggiore percezione è comprensione della vita.

DOMENICA 27 MAGGIO 10-17

Break 13-14

LIFE EMPOWERMENT
POTENZIAMENTO DELLA PROPRIA VITA

LIFE EMPOWERMENT
Il potenziamento della vita è orientato a come creare una atmosfera di continuo risveglio, energia e creatività. Vedremo come creare la giusta atmosfera in sé stessi il che di conseguenza stabilirà migliori relazioni in famiglia, con gli amici e i colleghi. Migliori relazioni a scuola e sul posto di lavoro. Quando l’energia fluisce ci troviamo in uno stato di coscienza che rimuove i blocchi dal corpo, dal cuore e dallo spirito dando spazio alla creatività e dandoci la capacità di vivere le situazioni come realmente sono.

Iniziazione Kundalini attiva la forza vitale interiore dissolvendo la paura, l’ansia e la depressione

Il corso si terrà nella sede del centro Henryushiatsu.

COSTI ISCRIZIONE

I costi si riferiscono esclusivamente al corso e non includono le iniziazioni per le quali è richiesto un contributo di 50€ e alle consultazioni private di circa 30 minuti con contributo di 50€.

È inoltre richiesto un contributo di 20€ (10€ al giorno) per i pasti.

260€ + 20€ scadenza 30 aprile

280€ + 20€ scadenza 26 maggio

È possibile iscriversi a un solo giorno versando 50% relativamente a ogni scadenza.

Versamento sul seguente IBAN

ASSOCIAZIONE GENTE DELLA CITTA’ NUOVA

BANCA REGIONALE EUROPEA – AG.TORINO

IBAN:  IT85C0311101007000000005946

Centro Henryushiatsu

Via S. Bernardino, 48
10141 – Torino – Italia
Tel.: 338/5314026

Info: mauro.villone@libero

0039-3487299033 Wapp

Corso di Introduzione alle Tradizioni Native

Carlos Sauer durante una cerimonia
Carlos Sauer durante una cerimonia

Sono sempre più coinvolto dallo sciamanismo, molto di più di quanto non avrei potuto pensare e anche di più di quanto io stesso ho cercato di fare. Avete presente quando spostate un sassolino in montagna e viene giù una frana? O quando togliete un legnetto da una catasta e crolla tutto? Ecco, qualcosa del genere. Non mi dispiace affatto sia chiaro. Cominciai a studiare teoricamente lo sciamanismo già dalla fine degli anni ’70, all’interno della mia già annosa ricerca nel mondo spirituale.

Ora da diversi anni sono travolto dalla spiritualità indigena brasiliana come da una valanga e, come se non bastasse, sono entrato anche in contatto con lo sciamanismo nordamericano tramite Carlos Sauer un interessante personaggio di altissimo livello umano e spirituale che negli anni ’70 uscì dal Brasile per andare negli Stati Uniti dove in un primo momento venne in contatto con popoli come i Cheyenne e gli Ogibwa e poi fu letteralmente adottato da un anziano sciamano, Nelson Turtle, che gli trasmise tutto il suo sapere. Divenne così sciamano Carlos Sauer, dopo 30 anni di tirocinio ed esperienze di capanna del sudore, viaggi sciamanici, cura e molte altre cose. Il suo destino era già in qualche modo indicato dalla sua provenienza da una famiglia di medium da almeno quattro generazioni. Sua mamma era un potentissimo medium e due sue sorelle forti curanderas. Oggi Carlos Sauer è nuovamente in Brasile da poco meno di dieci anni e siamo diventati molto amici. Io stesso partecipo a Rio settimanalmente a cerimonie e ruote di cura alla Casa dell’Aquila, un posto straordinario, urbano, ma immerso nella natura, dove sono coinvolti numerosi altri medium e curanderos e dove Carlos tiene le sue attività.

Carlos da anni faceva tournée in Europa e negli States con corsi, workshop e cure sciamaniche. Oggi mi sono fatto coinvolgere nell’organizzazione in Italia di attività di divulgazione sullo sciamanismo dove lui e la sua compagna, Juliana Ramos, psicologa reichiana, conducono workshop e seminari con il supporto mio e della mia compagna Lidia Urani per l’organizzazione, la traduzione simultanea e la veicolazione di energie.

Chi è Carlos Sauer e com’è strutturato il nostro gruppo.

Carlos Sauer, brasiliano, di origine europea è nato nel 1959. Durante un viaggio in California negli anni ‘70 decise di non tornare a casa per avvicinarsi alla cultura nativa dei Cheyenne e altre tribù. Fece la sua prima capanna del sudore (sweat lodge) nel 1982. Venne poi adottato da Nelson Turtle, uno sciamano Cheyenne, nel 1993. Ha fatto un lunghissimo tirocinio con i Cheyenne, apprendendo i segreti dei canti e dei tamburi, del peyote, della capanna del sudore, del tabacco, della cosmogonia e della filosofia indigena. Si autodefinisce operatore olistico ma di fatto è diventato uno sciamano. È un curandero molto forte e discende da un lignaggio di quattro generazioni di guaritori e medium. Era una potente medium sua mamma e sono curanderas due sue sorelle.

Oggi opera in Brasile, perlopiù a Rio de Janeiro, dove conduce cerimonie di tamburi e canti, cerimonie di tenda del sudore e diverse altre pratiche sciamaniche, spesso in collaborazione con la sua compagna Juliana Ramos, psicologa reichiana e con sciamani indigeni, specie Fulni-o del Pernambuco.

Carlos sta fondando la sua propria scuola di sciamanismo e due volte l’anno viaggia in Europa e Stati Uniti per diffondere la cultura e la spiritualità native. In Brasile collabora strettamente con popoli nativi come i Fulni-o e i Guarany. Ha collaborato con diversi istituti di studi sciamanici nel mondo.

Mauro Villone e Lidia Urani operano da 25 anni in Brasile, con la loro ONG Para Ti, nata per dare sostegno a decine di bambini di famiglie poverissime delle favelas di Rio. Accanto a questa attività si è sviluppata, negli ultimi anni la ricerca sulle tradizioni e le culture indigene. Para Ti da dunque sostegno anche a popoli indigeni che vengono ospitati nella sede della ONG diversi mesi l’anno. Tra questi: Fulni-o del Pernambuco, Krenak del Minas Gerais, Huni Kuin e Yawanawà dell’Acre/Amazzonia.

Mauro e Lidia collaborano da diversi anni con Carlos e Juliana nelle attività settimanali a Rio come cerimonie, sessioni di cura, workshop, corsi, relazioni con gruppi indigeni.

La missione di Carlos, Juliana, Lidia e Mauro è quella di diffondere la cultura nativa per dare a più persone possibile opportunità di cura di anima, corpo, spirito e mente.

Questa diffusione avviene tramite l’organizzazione di cerimonie, workshop, corsi, conferenze, pubblicazioni e consultazioni private in Italia, Brasile, Europa.

Le cure individuali le effettua Carlos utilizzando sistemi tradizionali indigeni come canto, tamburo, sonagli, imposizione delle mani, massaggio spirituale, estrazioni con il respiro, induzione al rilassamento profondo, dialogo, meditazione. Le terapie le effettua insieme al fondamentale supporto Juliana, psicologa reichiana. In Italia Mauro e Lidia danno assistenza logistica e con apporto di energia, si occupano inoltre della traduzione simultanea dal portoghese.

Dal 2018 cominceremo a proporre in Italia il Corso Basico di Tradizioni Native, della Scuola Carlos Sauer. Un workshop teorico-pratico di 2 giorni (di solito il fine settimana), al quale possono fare da corollario cerimonie di canti e tamburi e cure personalizzate per chi ne faccia richiesta.

 

Parte teorica

Introduzione

Filosofia delle tradizioni native

Il sentiero rosso. Tradizioni spirituali

I quattro elementi: terra, aria, acqua e fuoco

Chi è lo sciamano

Stati di coscienza e realtà non ordinarie

Storia dello sciamanismo

Tribù nordamericane. Diffusione e tradizioni

L’invasione europea

 

Spiritualità sciamanica

Canti sacri

L’animale di potere

Viaggio sciamanico

 

Strumenti sacri dello sciamano

Borsa della medicina

Tamburo sciamanico

Chocalho o maraca

Pipa sacra

Bastone della parola

Erbe e piante

Il popolo di pietra

 

Riti e cerimonie

Tenda del Sudore

Tenda della Luna

Pow-Wow

Cerimonia del Fuoco

Ruota di Medicina

Ricerca della Visione

Cerimonia del Peyote

Danza dell’Animale di Potere

Danza con gli Spiriti

Danza del Sole

 

Parte pratica

Esercizi di meditazione

Il viaggio interiore

Interazione con elementi naturali

Canto e tamburo

Esercizi di cura a coppie e/o a gruppi

Gli esercizi pratici possono variare molto a seconda delle circostanze, dei luoghi o del tipo di energia del gruppo

Chiusura con considerazioni finali

Contenuti e valore dell’esperienza

Le lezioni teoriche avvengono con l’ausilio di proiezioni di Power Point, con testi e immagini.

I contenuti del corso sono importanti, ma quello che realizza realmente la trasmissione di energia e sapienza sono le esperienze di vita straordinarie di Carlos Sauer e l’amore dello staff che collabora con lui, Juliana, Lidia e Mauro. Sono importanti anche la location e l’energia e i contenuti del gruppo.

Juliana, compagna di Carlos e psicologa reichiana (opera nel suo studio a Ipanema in Rio de Janeiro), organizza, sistematizza e sostiene il lavoro di Carlos, che altresì integra con le competenze di psicologia.

Lidia e Mauro, oltre a occuparsi della traduzione simultanea e dell’organizzazione, sostengono l’operato di Carlos, poiché profondamente coinvolti in prima perosna nelle esperienze di sciamanismo sia con lui che con indigeni di Pernambuco e Amazzonia.

Le lezioni teoriche sono alternate con brevi canti accompagnati dal tamburo sciamanico. Le esperienze pratiche (in Brasile chiamate vivencias) hanno luogo in genere all’aperto e sono guidate da Carlos e Juliana (tradotti in simultanea da Lidia e Mauro) che utilizzano strumenti sciamanici come il tamburo, il chucalho e la salvia.

Il risultato finale son l’amore, la felicità e lo stato vitale superlativi, al di là delle preziose informazioni che vengono trasmesse.

Il corso basico potrà essere seguito da quello intermedio e quello avanzato. Ovviamente non serve a diventare sciamani, cosa che richiede decenni di pratica e dedizione, ma da un’ottima base per cominciare e, soprattutto, per vedere il mondo con altri occhi e approfondire enormemente la coscienza di Sé e delle proprie relazioni con la natura e il cosmo.

 

Giorni e orari

Sabato e domenica (19-20 maggio): 10-13 e 14-17

 

Dove

Centro Henryushiatsu

Via S. Bernardino, 48

10141 – Torino – Italia

Tel.: 338/5314026

Info: mauro.villone@liber

0039-3487299033 Wapp

Costi

320€ i due giorni

+ 10€ iscrizione annuale alla nostra Associazione Gente della Città Nuova

+ 20€ pasti, break, caffè

Sconti

Per chi si iscrive entro 30 aprile 300€ + 20€ pasti

VERSAMENTI QUI:

ASSOCIAZIONE GENTE DELLA CITTA’ NUOVA

BANCA REGIONALE EUROPEA – AG.TORINO

IBAN:  IT85C0311101007000000005946

Siamo inoltre disposti a riconoscere la gratuità nella partecipazione a chi porta un minimo di 5 persone nel gruppo. Questo lo facciamo poiché abbiamo desiderio di diffondere il progetto e permette un maggiore coinvolgimento e da maggiori opportunità di partecipazione agli amici che sono più vicini.

INFO: mauro.villone@libero.it

Juliana Ramos - Casa dell'Aquila, Rio
Juliana Ramos – Casa dell’Aquila, Rio